Provincia. Tre nuovi corsi d’istruzione superiore per gli Istituti Einaudi-Chiodo e Capellini-Sauro

Peracchini: “E’ un momento storico in cui le istituzioni devono operare per favorire l’occupazione e lo sviluppo, in primis a favore dei giovani, ma senza dimenticare chi, proprio a causa dell’emergenza Covid, ha perso un lavoro o ha dovuto fare scelte professionali difficili”.

LA SPEZIA – Il Consiglio Provinciale della Spezia, in relazione alla pratica relativa al piano provinciale di dimensionamento della rete scolastica e dell’offerta formativa – anno scolastico 2021-2022, nella seduta del 22 luglio 2021 ha deliberato, con voto favorevole unanime, la variazione portata all’approvazione a seguito delle proposte arrivate dalle direzioni scolastiche.

Nello specifico il Consiglio Provinciale, per quanto attiene al dimensionamento della rete scolastica del primo ciclo di istruzione, ha deciso di non si disporre alcuna modifica all’attuale piano vigente; per quanto attiene al dimensionamento della rete scolastica del secondo ciclo di istruzione ha deciso di non si disporre alcuna modifica all’attuale piano vigente; per quanto attiene all’offerta formativa degli istituti di istruzione secondaria di secondo grado ha approvato una serie di modifiche.

È quindi considerata accoglibile la proposta dell’Istituto Professionale Einaudi-Chiodo, autorizzando così l’attivazione di un percorso di istruzione per adulti di secondo livello (corsi serali) indirizzo “Manutenzione e assistenza tecnica” e l’attivazione di un secondo percorso con l’indirizzo di “Pesca commerciale e produzioni ittiche”. Nello stesso atto è stata altresì considerata accoglibile la proposta dell’Istituto superiore Capellini-Sauro, autorizzando l’attivazione di un percorso di istruzione per adulti di secondo  livello  (corsi  serali) settore  tecnico  tecnologico  indirizzo  “Trasporti  e  logistica”, questo attraverso la specifica articolazione della materia: “Conduzione  del  mezzo” o in opzione:  “Conduzione  di  apparati  impianti  marittimi”.

Nella stessa seduta di consiglio, per competenza, è stato deciso di trasmettere alla Regione Liguria la richiesta di attivazione del liceo coreutico, avanzata dall’Istituto Cardarelli, vista la qualità del progetto presentato, tenuto conto della competenza specifica in materia della stessa Regione Liguria.

“L’impegno dell’Amministrazione provinciale verso la scuola è una costante, lo facciamo attraverso un importante programma di riqualificazione e messa a norma degli edifici, lo abbiamo fatto con le opere di adeguamento alle linee anti pandemiche per l’emergenza Covid e lo confermiamo con il sostegno a tutte quelle iniziative che possono garantire occasioni di ingresso nel mondo del lavoro o di sviluppo della professionalità personale. _ spiega il Presidente Pierluigi Peracchini _

È un momento storico in cui le istituzioni devono operare per favorire l’occupazione e lo sviluppo, in primis a favore dei giovani, ma senza dimenticare chi, proprio a causa dell’emergenza Covid, ha perso un lavoro o ha dovuto fare scelte professionali difficili.

Vi sono opportunità nuove e la scuola, così come le altre istituzioni ed in particolare la Provincia, deve poter portare avanti programmi che aprano strade dirette verso opportunità occupazionali concrete. In questo campo proprio la Provincia opera su più settori, non solo quindi attraverso il piano di dimensionamento scolastico o la riqualificazione delle infrastrutture che ospitano gli istituti superiori, ma anche grazie al fatto di essere un riferimento territoriale, attraverso un proprio sportello, per le istituzioni europee con occasioni di contatto, formazione per i giovani e di supporto per bandi e programmi comunitari”.

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti