Stretta di controlli della Polizia Locale nel centro storico

LA SPEZIA – Nella serata di ieri venerdì 23 luglio e fino a tarda notte, la Polizia Locale è stata impegnata per controlli mirati nel centro cittadino.

Numerosi sono stati i controlli agli esercizi commerciali, e particolare attenzione è stata dedicata al rispetto delle ordinanze recentemente adottate dal Sindaco, per il contenimento della movida in costanza dell’emergenza COVID-19.

Sono state controllate cinque attività commerciali e dai controlli è scaturito che un minimarket in piazza Europa proseguiva nella vendita di bevande alcoliche oltre l’orario consentito; al titolare è stata immediatamente contestata sanzione amministrativa per un importo fino a mille euro.

Due pubblici esercizi, invece, hanno occupato la sede stradale della centrale Via Manin con tavoli e sedie oltre le dimensioni ammesse, così che non fosse garantito il transito ai veicoli di soccorso: anche in questo caso il titolare di uno dei due esercizi è stato sanzionato in quanto l’intera occupazione di suolo pubblico era abusiva, mentre l’altra attività è stata diffidata a ridimensionare nell’immediatezza l’occupazione.

I controlli proseguivano con costante pattugliamento delle zone centrali ai fini della verifica del rispetto della normativa antiCOVID e con il particolare obiettivo di contenere comportamenti cagionevoli di disturbo alla quiete pubblica e di compromissione del decoro urbano.

Nel mentre una pattuglia della Polizia Locale transitava nel Corso Cavour, la cliente di un pubblico esercizio segnalava che, poco prima, due giovani extracomunitari in palese stato di ubriachezza si erano allontanati verso mare portando con sé della birra contenuta in boccali di vetro, appena acquistata nello stesso bar.

I due giovani venivano rintracciati dagli agenti lungo la Via Chiodo, che constatavano effettivamente versare in condizioni di ubriachezza manifesta. Lo stato di alterazione destava allarme tra i numerosi passanti in quanto i due soggetti, privi di documenti, tentavano di sottrarsi al controllo mantenendo un comportamento lesivo della quiete pubblica e di resistenza ai pubblici ufficiali.

Con l’ausilio della Polizia di Stato, i due extracomunitari di origini marocchine venivano condotti in Questura per l’identificazione ed il fotosegnalamento.

In questa fase veniva accertato che entrambi erano irregolari sul territorio italiano ed uno dei due in particolare era gravato da un ordine di espulsione e risultava avere precedenti di polizia.

Al termine delle operazioni la Locale denunciava i due giovani per la presenza irregolare sul territorio italiano ed inoltre elevava le dovute sanzioni, aventi un massimo edittale di 2.600,00 euro, per ubriachezza molesta e consumo di bevande alcoliche nella pubblica via oltre l’orario consentito.

Social

137FansMi piace
0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Pubblicità

Articoli più visti