La Polizia Locale rintraccia e conduce in carcere uno spacciatore

LA SPEZIA – Dalla spiaggia al carcere la strada è stata breve per un cittadino senegalese ventiseienne irregolare sul Territorio Nazionale, N. M., che era stato tratto in arresto dalla Polizia Locale nella serata dello scorso 18 giugno, in quanto colto in flagranza mentre spacciava sostanze stupefacenti ai danni di un minore in via Galilei, nei pressi di Piazza del Bastione.

Il Gip in sede di convalida dell’arresto aveva disposto l’obbligo di presentazione alla Polizia Locale quale misura cautelare, misura alla quale il giovane senegalese non aveva mai ottemperato. Nel frattempo, lo straniero era stato nuovamente arrestato per spaccio di sostanze stupefacenti, questa volta dall’Arma dei Carabinieri, ed era stato sottoposto nuovamente all’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria, misura alla quale non aveva adempiuto nuovamente.

Gli agenti dell’Area Sicurezza, sapendolo inottemperante alla misura cautelare e  vedendolo sempre aggirarsi nelle aree della movida, hanno prontamente relazionato la Procura della Repubblica, che ha chiesto l’aggravamento della misura cautelare al Giudice per le Indagini Preliminari. Il Gip, valutate le circostanze e la personalità del soggetto, ha disposto l’aggravamento della misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria, misura mai attesa da N.M., tramutandola nella custodia cautelare in carcere. L’ordine di arresto è stato prontamente eseguito dagli agenti della Polizia Locale che hanno rintracciato il giovane senegalese, scoprendo che, di giorno effettuava il venditore ambulante sul litorale lericino, mentre la sera spacciava nell’area della movida spezzina. Lo straniero, espletate le formalità di rito presso il Comando di viale Amendola, è stato tradotto in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Social

137FansMi piace
0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Pubblicità

Articoli più visti