Consiglio Regionale di lunedì 2 agosto 2021

Assestamento al Bilancio di previsione per gli anni finanziari 2021-2023
Con 18 voti a favore (maggioranza) e 11 contrari (minoranza) è stato approvato il disegno di legge 78 “Assestamento al Bilancio di previsione della Regione Liguria per gli anni finanziari 2021-2023”.

Con il provvedimento di Assestamento al bilancio 2021-23, oltre agli adempimenti di

natura obbligatoria, vengono adeguate le entrate e le spese di natura vincolata alle effettive assegnazioni di fondi statali e/o comunitari e si effettuano alcune rimodulazioni della spesa discrezionale. La pandemia da COVID-19 ha avuto pesanti ripercussioni anche sui bilanci delle regioni, sia nel corso del 2020 sia, soprattutto, nel 2021, con una compensazione solo parziale derivante da trasferimenti statali. Nonostante ciò il bilancio della Regione Liguria mostra una sostanziale “tenuta” senza necessità di ricorrere a temuti tagli nella spesa, mantenendo inalterate le somme stanziate con il bilancio di previsione 2021-2023, pur non potendo procedere ad ulteriori apprezzabili stanziamenti di spesa. La manovra complessiva vale 437 milioni, derivanti prevalentemente da maggiori entrate di natura vincolata (oltre 400 milioni) e da applicazione di avanzo vincolato (oltre 25 milioni). In particolare le variazioni riguardano, in tema di investimenti, 46 milioni a valere sul fondo strategico regionale finanziati con nuovo mutuo, oltre a investimenti nell’edilizia scolastica (0,4 milioni), nella riqualificazione urbana (1,1 milioni) e a completamento del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 (0,9 milioni); in tema di sanità e politiche sociali ci sono nuove assegnazioni di fondi vincolati (265 milioni per la sanità di cui 218 per investimenti e 14 milioni per il sociale); in tema di sviluppo economico sono previsti 26 milioni vincolati e 400 migliaia di euro per il salone nautico; in tema di trasporti ci sono nuove assegnazioni statali per 92 milioni (di cui 24 per investimenti) e, infine, sono previsti 0,7 milioni per assegnazione di borse di studio.

Nella presentazione e nel dibattito sugli emendamenti sono intervenuti Selena Candia e Ferruccio Sansa del gruppo Lista Ferruccio Sansa Presidente, Luca Garibaldi, Sergio Rossetti e Armando Sanna del gruppo Pd-Articolo Uno, Giovanni Toti (Cambiamo con Toti Presidente), Gianni Pastorino (Linea Condivisa), Paolo Ugolini (Mov5Stelle)

Sono stati respinti alcuni degli emendamenti presentati dai gruppi di minoranza.

Approvato all’unanimità, con il parere favorevole del presidente della giunta con delega al bilancio Giovanni Toti, l’emendamento presentato da Selena Candia (Lista Ferruccio Sansa Presidente), e sottoscritto dai colleghi del gruppo, che prevede l’incremento di 50 mila euro destinati al fondo “Interventi per soggetti a rischio di esclusione sociale” per sostenere una campagna informativa al fine di contrastare le molestie verbali e sessuali sui mezzi di trasporto pubblico attraverso i canali social e cartelloni.

Sergio Rossetti (Pd-Articolo Uno), Angelo Vaccarezza e Lilli lauro del gruppo Cambiamo con Toti presidente), Stefano Balleari (FdI), Claudio Muzio (FI), Paolo Ugolini (Mov5Stelle), Gianni Pastorino (Linea Condivisa) e Mabel Riolfo (Lega Liguria Salvini) hanno chiesto di aggiungere la propria firma all’emendamento.

Approvati all’unanimità due emendamenti presentati da Sergio Rossetti (Pd-Articolo Uno), e sottoscritto dai colleghi del gruppo, e quello analogo di Selena Candia (Lista Ferruccio Sansa presidente) e sottoscritto dai colleghi del gruppo, che prevedono un incremento di 50 mila euro destinati alla Missione “Diritti sociali, Politiche sociali e Famiglia” per aumentare in via straordinaria i contributi concessi alle “Associazioni di promozione sociale” storiche che agiscono nell’ambito delle disabilità le cui attività e che, a causa dell’emergenza sanitaria in corso, hanno subìto difficoltà e rallentamenti a fronte di un aumento di necessità di assistenza da parte delle persone seguite

Il presidente della giunta con delega al bilancio Giovanni Toti ha espresso parere favorevole all’emendamento.

Angelo Vaccarezza del gruppo Cambiamo con Toti presidente, Paolo Ugolini (Mov5Stelle), Mabel Riolfo (Lega Liguria –Salvini), Claudio Muzio (FI), Stefano Balleari (FdI) e Gianni Pastorino (Linea Condivisa) hanno chiesto di sottoscrivere l’emendamento

Approvati gli emendamenti presentati dalla giunta.

Enrico Ioculano (Pd-Articolo Uno) ha annunciato il voto contrario a nome del gruppo.

Riduzione dell’Irap
Respinto con 11 voti a favore (minoranza), 18 contrari (maggioranza) l’ordine del giorno presentato da Ferruccio Sansa (Lista Ferruccio Sansa presidente) e sottoscritto dai colleghi del gruppo, che impegnava la giunta, in sessione di variazione di bilancio 2021 a disporre la riduzione dell’Irap regionale per il 50% alle imprese che hanno ridotto le attività a causa della pandemia

Sostegno alle attività colpite dalla grandinata del 31 luglio 2021
E’ stato approvato all’unanimità un ordine del giorno, presentato da Enrico Ioculano (Pd-Articolo Uno) e sottoscritto da tutti i gruppi, che impegna la giunta ad attivarsi per riconoscere, tramite gli strumenti appropriati, sostegni alle aziende colpite dalla grandinata del 31 luglio scorso. Nel documento si rileva che le aziende che hanno subìto danni hanno bisogno di sostegni per fronteggiare le spese e che sono già stati effettuati sopralluoghi nelle zone colpite dal maltempo da parte dell’assessore all’agricoltura Alessandro Piana, il quale ha preso atto della situazione convocando le associazioni di categoria.

Misure emergenza Covid, Ripresa e Resilienza in Liguria
Con 18 voti a favore (maggioranza) e 10 contrari è stato approvato il Disegno di legge 81 “Impostazione delle misure finalizzate all’attuazione della ripresa e della resilienza ligure”. Il documento interviene con importanti investimenti in tutti i settori per il rilancio della Liguria vista l’emergenza Covid introducendo anche modelli più semplici nell’’erogazione dei contributi. Fra le misure finanziarie previste ci sono 2 milioni destinati al settore culturale, turistico (1 milione e 215 mila euro) e allo spettacolo dal vivo (785 mila euro); semplificazioni circa l’imposta regionale sulle concessioni statali del demanio marittimo ad uso turistico e ricreativo, viene modificata la norma vigente, per poter impegnare i fondi a favore dei Comuni in modo che possano essere utilizzati prima dell’inizio della stagione balneare; viene adeguato il calcolo dell’imposta regionale prevedendo, poi, l’aliquota più bassa per le occupazioni di aree demaniali marittime rilasciate con una licenza fino a trenta giorni e le concessioni temporanee per occupazioni e/o installazioni temporalmente circoscritte (ponteggi per lavori, opere di cantiere); viene indirizzato l’utilizzo dei fondi derivanti dal gettito dell’imposta regionale, principalmente verso il miglioramento delle spiagge libere e della sicurezza della balneazione in quanto i Comuni costieri stanno sostenendo maggiori spese per la gestione proprio delle spiagge libere, per garantire flussi ordinati e in sicurezza dei bagnanti e per la sanificazione costante degli spazi comuni. Le penali annuali, comminate a Trenitalia, sono destinate a ristori per i disagi subìti dalla clientela e per migliorare e potenziare il servizio di trasporto ferroviario; circa 2 milioni e 300 mila euro sono attribuiti a Trenitalia per l’acquisto di materiale rotabile ferroviario, già immesso in servizio e circolante sulla rete ligure, nell’attesa dell’erogazione della stessa cifra da parte dello Stato. Vene confermato per il 2021 il Fondo straordinario, istituito per l’anno 2020, per gli interventi di manutenzione straordinaria effettuati dai titolari di licenza taxi per lo stesso importo del 2020 pari a 150 mila euro; viene disciplinata in modo più dettagliato la ricerca mineraria, introducendo una normativa regionale in tema di permessi di ricerca delle sostanze minerarie. Sempre per il 2021, la quota da destinare ad A.R.T.E. Savona, viene incrementata di 400 mila euro; viene istituito per gli anni 2021, 2022 e 2023 un Fondo integrativo aggiuntivo destinato al Servizio sanitario regionale nell’ambito del “Piano di risposta al fabbisogno sanitario post Covid 19” per sostenere la spesa sanitaria corrente per 46 milioni di euro nel 2021 e 35 milioni nel 2022 e 2023. Nel 2021, inoltre, vengono destinati, 3,9 milioni, per investimenti già programmati di ASL 1 e ASL 3. È stato disciplinato l’apporto della Regione alla realizzazione della nuova diga foranea nel porto di Genova, destinando all’opera 57 milioni di euro. È stato previsto il sostegno alla realizzazione degli interventi prioritari ed indifferibili del “Sistema Acquedotto Roja” e verrà assegnato un importo complessivo di 5 milioni e 800 mila euro. Infine per semplificare la normativa si sono previste le seguenti abrogazioni normative: viene abrogata parte della legge regionale 41 del 2013 che regolamenta l’imposta regionale sulle concessioni statali del demanio marittimo ad uso turistico ricreativo e parte della legge regionale 32/2012, che prevede “i termini del procedimento di valutazione ambientale strategica sono sospesi per tutto il mese di agosto”: questa normativa comporta, infatti, un aggravio nel procedimento di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) ed un ritardo delle pratiche che riguardano anche attività importanti sotto il profilo economico e produttivo.

Lilli Lauro (Cambiamo con Toti presidente), presidente della I Commissione Affari Generali, Istituzionali e Bilancio, ha illustrato nel dettaglio il testo: «Con questo provvedimento – ha esordito – la Regione accompagna la manovra di assestamento di bilancio con diversi interventi rivolti a settori particolarmente colpiti dalle restrizioni imposte dall’emergenza sanitaria e finalizzati al rilancio delle relative attività economiche, pur con grande attenzione alla conciliazione con la sostenibilità ambientale». Fra le tante misure illustrate in aula, il presidente ha sottolineato, fra gli altri, il sostegno nell’anno in corso alla manifestazione Slow Fish, per rafforzare il rilancio post epidemia Codiv-19, tramite la promozione del territorio ligure, il potenziamento del turismo e la valorizzazione dei prodotti liguri di eccellenza. «Con questa normativa – ha aggiunto – il Piano di efficientamento del Sistema sanitario ligure, avviato nel 2016, vede la sua conclusione anticipata, in quanto nel 2020 è stato raggiunto il pareggio di bilancio». Lauro ha ricordato, inoltre, le misure per realizzare la prima fase della nuova diga foranea del porto di Genova, concedendo all’Autorità portuale 57 milioni di euro e gli interventi di finanziamento per l’acquedotto Roja.

Luca Garibaldi (Pd-Articolo Uno) ha espresso perplessità, sia nel merito che nel metodo del disegno di legge, rilevando che il provvedimento avrebbe assunto nella versione finale una fisionomia completamente diversa da quella originaria e lo ha definito un “gigantesco Collegato all’assestamento” e ha preannunciato alcuni emendamenti. Il Consigliere ha lamentato lo scarso coinvolgimento del Consiglio nelle misure previste per l’efficientamento del settore sanitario.

Davide Natale (Pd-Articolo Uno) ha rilevato che il disegno di legge non contiene riferimenti sulla transizione energetica e sulle politiche attive del lavoro. Secondo Natale, inoltre, il testo sarebbe solo un tentativo di compiere operazioni senza nessun valore prospettico, ma sarebbero solo interventi di piccolo cabotaggio e non delinea un quadro con obbiettivi a lunga scadenza e, dunque, rappresenterebbe un’occasione persa.

Roberto Arboscello (Pd-Articolo Uno) ha sottolineato la necessità di non sprecare le risorse del Pnrr e, secondo il consigliere, nel disegno di legge non ci sarebbero riferimenti alle grandi sfide per il futuro riguardo la transizione ecologica, le politiche sul lavoro e sul settore sanitario. Arboscello, infine, ha denunciato l’assenza di un vero confronto sugli aspetti più rilevanti del documento.

Paolo Ugolini (Mov5Stelle) ha lamentato la mancanza di un confronto sulle grandi problematiche della Liguria per poter supportare il Piano con nuove idee. Secondo Ugolini mancano nel testo idee che abbiano ricadute sulle generazioni future e ha citato, fra gli altri, la difesa del territorio.

Enrico Ioculano (Pd-Articolo Uno) ha ribadito che nel testo manca una strategia complessiva di intervento e ha sottolineato che non ci sarebbe un equilibrio di sistema. Nonostante l’incremento di risorse per l’emergenza sanitaria – ha detto – ci sarebbe stata una diminuzione di prestazioni no covid e ha espresso critiche sulla gestione della sanità da parte della giunta regionale.

Gianni Pastorino (Linea Condivisa) ha sottolineato l’assenza di una visione e di un ragionamento complessivo, da parte della giunta, sullo sviluppo della Liguria e di una interlocuzione con le categorie economiche e sociali. Il consigliere ha lamentato, fra l’altro, l’assenza di attenzione alla transizione ecologica.

Il presidente della giunta con delega al bilancio Giovanni Toti ha replicato spiegando che il Disegno di legge 81 va inserito in un profilo nazionale, cioè secondo le indicazioni sull’allocazione del PNRR, che è generale e non sarà delegato alle Regioni, se non per alcuni ambiti precisi. Il presidente ha quindi sottolineato che il margine di manovra delle amministrazioni periferiche nella sua applicazione sarà delimitato dalle future linee guida nazionali. Toti ha ribadito, dunque, che il disegno di legge è un collegato alla legge di spesa e prevede solo alcuni interventi urgenti, fra cui i 24 milioni sulla sanità, e che, rispetto alle modalità, ci sarà modo di discutere in futuro. Il presidente ha ribadito che le visioni strategiche, la cui assenza è stata lamentata da alcuni consiglieri regionali di minoranza, sono il combinato disposto di tanti provvedimenti di bilancio e non attengono, dunque, al Disegno di legge 81.

Approvati gli emendamenti di natura tecnica presentati dalla giunta.

Approvato un emendamento, presentato da Davide Natale (Pd-Articolo Uno), che chiede che sia data comunicazione nella competente commissione consiliare sull’utilizzo delle risorse che arriveranno dal PNRR.

Approvato un emendamento, presentato da Enrico Ioculano (Pd-Articolo Uno), che prevede nuovi fondi per le Associazioni di promozione sociale, i circoli ricreativi, culturali e sociali.

Approvato un emendamento presentato da Armando Sanna (Pd- Articolo Uno), in collaborazione con l’assessore alle infrastrutture Giacomo Giampedrone, che prevede l’istituzione di un fondo per la progettazione di piccoli Comuni e Enti parco per opere e interventi.

Approvato un emendamento dell’assessore al ciclo dei rifiuti Giacomo Giampedrone che per l’anno 2021 prevede un gettito fino ad un massimo di 100 mila euro destinato alla provincia di Imperia pe il recupero di materia prima nella gestione dei materiali vetrosi in deposito temporaneo e allo smaltimento per le parti non più valorizzabili. L’emendamento è mirato a supportare le aziende che hanno subito ingenti danni dopo la violenta grandinata che due giorni fa si è abbattuta sul ponente ligure.

Approvato un emendamento presentato da Selena Candia (Lista Ferruccio Sansa presidente) che chiede l’impegno di 50 mila euro per finanziare una campagna contro le molestie sui trasporti pubblici

Approvato un emendamento presentato da Sergio Rossetti (Pd-Articolo Uno) che prevede l’allocazione di 50 mila euro per sostenere le Associazioni di promozione sociale che operano nella tutela e nella promozione di mutilati e invalidi e delle disabilità

Sono stati respinti gli altri emendamenti presentati dalla minoranza

Nel dibattito sugli emendamenti sono intervenuti Luca Garibaldi, Sergio Rossetti, Roberto Arboscello, Enrico Ioculano e Davide Natale del gruppo Pd-Articolo Uno, Selena Candia e Ferruccio Sansa del gruppo Lista Ferruccio Sansa presidente, Paolo Ugolini (Mov5Stelle), Stefano Mai, Alessio Piana del gruppo della Lega Liguria-Salvini, Angelo Vaccarezza, Lilli Lauro e Alessandro Bozzano del gruppo Cambiamo con Toti presidente e Gianni Pastorino (Linea Condivisa).

Museo interattivo multimediale
E’ stato approvato all’unanimità l’ordine del giorno illustrato da Paolo Ugolini (Mov5Stelle) e sottoscritto dal collega del gruppo, che impegna la giunta a farsi parte attiva presso il governo e gli organi competenti per realizzare il primo museo interattivo multimediale della canzone italiana, annunciato dal sindaco di Sanremo a fine dicembre 2020

Ripopolamento dei paesi dell’entroterrra
Con 10 voti a favore (minoranza) e 18 contrari è stato respinto illustrato da Paolo Ugolini (Mov5Stelle) e sottoscritto dal collega del gruppo, che impegna la giunta a prevede risorse utili per il ripopolamento dei paesi dell’entroterra e dei piccoli Comuni periferici come occasione per valorizzare aree che da anni versano in gravi difficoltà e per salvaguardare le biodiversità dei territori prevedendo agevolazioni riservate agli under 40 per aiutarli ad acquistare e ristrutturare la prima casa, contribuendo al recupero mirato del patrimoni edilizio esistente senza ulteriore consumo di suolo.

Bonifica ambientale di Stoppani a Cogoleto, Pitelli alla Spezia e Acna di Cengio
E’ stato approvato all’unanimità l’ordine del giorno presentato da Paolo Ugolini (Mov5Stelle), e sottoscritto dal collega del gruppo, che impegna la giunta a proporre al governo la definizione di progetti finalizzati a bonificare e riqualificare i siti Stoppani di Cogoleto, Pitelli della Spezia e dell’Acna di Cengio, nel savonese.

Promozione e rilancio turistico-culturale dell’area archeologica di Luni
Con 10 voti a favore (minoranza) e 18 contrari è stato respinto l’ordine del giorno presentato da Paolo Ugolini (Mov5Stelle), e sottoscritto dal collega del gruppo, che impegna la giunta a disporre la definizione di progetti finalizzati a favore della promozione e del rilancio turistico-culturale dell’area archeologica di Luni grazie alla valorizzazione del contesto territoriale circostante, zona fluviale del Magra e Parco di Montemarcello.

Didattica digitale scolastica
Con 10 voti a favore (minoranza) e 18 contrari è stato respinto l’ordine del giorno illustrato da Paolo Ugolini (Mov5Stelle) e sottoscritto dal collega del gruppo, che impegna la giunta a prevedere risorse utili destinate a investimenti per la Liguria in materia di didattica digitale scolastica, prendendo spunto dai progetti di eccellenza già sperimentati negli anni da alcune scuole liguri.

Digitalizzazione dei beni culturali
Con 10 voti a favore (minoranza) e 18 contrari è stato respinto l’ordine del giorno illustrato da Paolo Ugolini (Mov5Stelle) e sottoscritto dal collega del gruppo, che impegna la giunta a disporre che parte delle risorse derivanti dal Programma strategico per l’inserimento nel PNRR vengano indirizzate ad investimenti per la Liguria in materia di digitalizzazione dei beni culturali e nello specifico quelli museali, archeologici, bibliotecari e archivi di qualunque categoria.

Mobilità sostenibile
Con 10 voti a favore (minoranza) e 18 contrari è stato respinto l’ordine del giorno illustrato da Paolo Ugolini (Mov5Stelle) e sottoscritto dal collega del gruppo, che impegna la giunta a prevedere risorse destinate ad investimenti per la Liguria in materia di mobilità sostenibile.

Restauro conservativo dei forti e delle mura di Genova
Con 10 voti a favore (minoranza) e 18 contrari è stato respinto l’ordine del giorno illustrato da Poalo Ugolini (Mov5Stelle) e sottoscritto dal collega del gruppo, che impegna la giunta a disporre che parte delle risorse a disposizione nell’ambito del Programma strategico per l’inserimento nel PNRR siano destinate al piano di restauro conservativo dei forti e delle mura di Genova da attuarsi con maestranze qualificate e un piano delle destinazioni d’uso che consenta una gestione unitaria degli spazi e delle attività secondo criteri sociali, storico artistici in modo da poter avviare la procedura affinché vengano inseriti nel patrimonio mondiale Unesco.

Efficientamento energetìco delle case di Arte
Con 10 voti a favore (minoranza) e 18 contrari è stato respinto l’ordine del giorno illustrato da Paolo Ugolini (Mov5Stelle e sottoscritto dal collega del gruppo, che impegna la giunta a disporre che parte delle risorse derivanti dal Programma strategico per l’inserimento nel PNRR vengano indirizzate all’efficientamento energetico delle case popolari di Arte di tutta la Regione. 

Sensibilizzazione contro la violenza di genere
Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità l’ordine del giorno presentato da Selena Candia (Lista Ferruccio Sansa Presidente) e sottoscritto dai colleghi del gruppo, che impegna la giunta a sensibilizzare le aziende di trasporto pubblico affinché prevedano una formazione ad hoc per chi lavora nei mezzi pubblici, anche dopo un confronto con i sindacati, i rappresentanti dei trasporti pubblici e Alfa, volti alla sensibilizzazione sul problema legato alle violenze di genere, a utilizzare le risorse previste per il “Sostegno alla campagna contro le molestie nei trasporti pubblici” per sostenere la campagna contro le molestie sui trasporti pubblici attraverso appositi cartelloni inserzionistici e messaggi sui social net work

Documento di economia e finanza regionale
Con 18 voti a favore (maggioranza) e 10 contrari, xx astenuti è stata approvata la Proposta di deliberazione 19 “Documento di economia e finanza regionale (DEFR)”. Il documento rappresenta il principale strumento di programmazione dell’Ente in quanto descrive gli obiettivi della manovra di bilancio regionale ed espone il quadro finanziario di tutte le risorse disponibili per perseguire gli obiettivi programmati. Tutti i documenti contabili di previsione dell’ente devono partire dal DEFR che, dunque, orienta le successive deliberazioni del Consiglio e della Giunta e contiene le linee programmatiche pluriennali dell’azione di governo regionale. Il contesto socio economico attuale è segnato ancora profondamente dalla crisi pandemica globale, ma le aspettative sul futuro sono positive, anche grazie al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per l’Italia approvato dalla Commissione Europea.

Nel corso del 2020 la Regione ha messo in campo complessivamente quasi 100 milioni di euro, sia come risorse proprie che come riprogrammazione di fondi europei, per attuare interventi di sostegno a imprese e famiglie liguri. Per fronteggiare la crisi, già a partire dal marzo 2020, in Liguria sono stati concessi contributi una tantum alle famiglie per l’acquisto di attrezzature informatiche per la didattica a distanza, per l’accudimento dei figli e delle persone disabili durante il periodo di sospensione delle attività commerciali e sociali; bonus trasporti. Sono stati concessi contributi una tantum per le attività economiche costrette alla sospensione dell’attività o danneggiate dalle restrizioni introdotte dal governo; contributi per la digitalizzazione e l’adeguamento dei processi produttivi delle PMI, per la riconversione per la produzione di DPI; un fondo a sostegno del rafforzamento patrimoniale delle PMI; fondi di rotazione per la concessione di prestiti in favore di attività culturali e società sportive dilettantistiche; un bonus una tantum a sostegno dei lavoratori dello spettacolo. A maggio 2021 i contributi erogati a vario titolo a sostegno delle famiglie ammontano a più di 14 milioni di euro, mentre quelli in favore delle imprese superano i 29 milioni. I contributi ancora da erogare verranno distribuiti una volta ricevuta la rendicontazione da parte dei soggetti destinatari, che hanno aderito ai diversi bandi proposti. Sempre nel 2021 sono state introdotte misure di sostegno per mantenere i livelli occupazionali (bonus assunzionali per contratti a tempo indeterminato e determinato) per oltre 9 milioni di euro per gli operatori del settore turistico; sono stati prorogati alcuni bandi in scadenza, già attivati prima dell’emergenza sanitaria, per investimenti a favore del piccolo commercio. La Regione, inoltre, ha introdotto misure di natura fiscale a favore di famiglie e imprese: per l’anno di imposta 2021 è stata introdotta una specifica detrazione per tutte le famiglie con almeno due figli a carico e con un reddito fino a 28.000 euro pari a 35 euro per ciascun figlio, aumentata a 45 per ciascun figlio disabile. Questa misura dovrebbe riguardare circa 70 mila contribuenti liguri per un costo complessivo di 5 milioni di euro per l’esercizio finanziario 2021.

Nel dibattito sul provvedimento sono intervenuti Luca Garibaldi, Roberto Arboscello, Enrico Ioculano e Sergio Rossetti del gruppo Pd-Articolo Uno, che hanno illustrato anche gli ordini del gjorno presentati dal gruppo e collegati al DEFR, Roberto Centi e Selena Candia del gruppo Lista Ferruccio Sansa presidente.

Sono stati poi approvati alcuni degli ordini del giorno presentati dal gruppo Pd-Articolo Uno.

Solidarietà al sindaco di Pesaro Matteo Ricci
Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità un ordine del giorno sottoscritto da tutti i gruppi, che impegna la giunta a a esprimere solidarietà al sindaco di Pesaro Matteo Ricci. Nel documento si ricorda la manifestazione no vax che si è svolta il 28 luglio a scopo intimidatorio sotto l’abitazione del primo cittadino.

Social

137FansMi piace
0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Pubblicità

Articoli più visti