Esaminato in Prefettura l’affollamento sui treni e stazioni Cinque Terre

LA SPEZIA – Si è svolta nel pomeriggio di ieri, presieduta dal Prefetto della Spezia, Maria Luisa Inversini, una riunione in merito alla situazione della linea ferroviaria delle Cinque Terre, a cui hanno partecipato, oltre ai vertici delle Forze di Polizia e della Polfer, i Sindaci di Riomaggiore, Vernazza e Monterosso e rappresentanti di RFI e Trenitalia.

Nel corso dell’incontro, è stato fatto il punto sull’afflusso di viaggiatori sui treni e nelle stazioni dei borghi e si è preso atto che, anche a seguito delle intese raggiunte nella riunione del 30 luglio scorso, Trenitalia ha potenziato personale e mezzi al fine di una più equilibrata distribuzione dei viaggiatori per garantire il più possibile il rispetto del distanziamento sociale.

La società ha comunicato che sulla tratta interessata solo due volte è stata attivata l’apposita procedura che prevede l’invio di un treno aggiuntivo in caso di sovraffollamento.

Per quanto riguarda le stazioni, caratterizzate dai noti problemi infrastrutturali, RFI ha assicurato che, nel quinquennio, saranno ultimati i lavori di miglioramento secondo priorità di intervento in corso di definizione, con particolare riguardo a Vernazza e Manarola, e sarà rifatto l’impianto di videosorveglianza.

In queste settimane la Polfer ha potenziato i servizi sia sui treni che nelle stazioni, in particolare quella di La Spezia, identificando oltre 4.000 persone.

Il Prefetto ha chiesto espressamente che tali misure di salvaguardia non vengano abbassate nonostante il prevedibile calo dell’utenza, e all’Arma dei Carabinieri di continuare a coordinarsi con le Polizie Locali per una più efficace opera di vigilanza nei borghi.

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti