Teatro Akropolis vince il Premio Hystrio – Digital Stage 2021

Importante riconoscimento nazionale per la scorsa edizione di Testimonianze ricerca azioni. Ecco la motivazione del premio, le dichiarazioni dei direttori artistici – con alcune anticipazioni sulle prossime attività e l’apertura del nuovo teatro a Sestri Ponente – e quelle degli assessori Ilaria Cavo e Barbara Grosso. L’edizione 2021 del Festival è in programma dal 4 al 14 novembre.  

Domenica scorsa, 12 settembre il Premio Hystrio ha concluso la sua 30^ edizione al Teatro Elfo Puccini di Milano con un’emozionante serata spettacolo, introdotta da Claudia Cannella e Mario Perrotta, che hanno ufficialmente consegnato i premi di quest’anno. Nato nel 1989 da un’idea di Ugo Ronfani, fondatore e a lungo direttore della rivista Hystrio, il trimestrale di teatro e spettacolo più longevo e importante nel panorama teatrale italiano, il Premio conferma la propria vocazione al talent scouting, come vetrina per artisti esordienti e professionisti della scena, luogo di incontro, scambio e ideale staffetta generazionale tra artisti già affermati e giovani.

Teatro Akropolis, già vincitore del Premio Special Ubu nel 2017 per il progetto editoriale AkropolisLibri e finalista del Premio Rete Critica nel 2019 nella categoria “progettualità/organizzazione” riceve ora il Premio Hystrio – Digital Stage, con la seguente motivazione: “A Teatro Akropolis, diretto da David Beronio e Clemente Tafuri, va il Premio Hystrio – Digital Stage per la coraggiosa scelta di dedicare l’edizione 2020 del festival “Testimonianze, ricerca, azioni” all’approfondimento. Utilizzando il mezzo digitale, hanno creato occasioni di confronto tra artisti e pubblico, uno spazio per generare consapevolezza e tornare in scena forti di questo esercizio collettivo. Una proposta attiva e di alta qualità per rispondere alla crisi spostando con intelligenza il cuore del festival dalla rappresentazione artistica alla riflessione tutta contemporanea sul ruolo del teatro nella nostra società”.

Davide Beronio e Clemente Tafuri hanno così ringraziato la giuria, dando alcune anticipazioni sulla XII edizione di Testimonianze ricerca azioni, ormai alle porte e annunciando l’apertura del nuovo teatro di Sestri Ponente, sede della compagnia e del Festival, che in questi mesi sta subendo una radicale ristrutturazione, a cura del Comune di Genova: “Il premio che abbiamo ricevuto non è solo il riconoscimento per il lavoro condotto in una situazione di emergenza, ma anche un incoraggiamento a tutti coloro che non si sono arresi difronte al desolante spettacolo dei teatri vuoti. Akropolis ricomincia dal luogo dove lavora da più di dieci anni, in un teatro completamente rinnovato che sarà inaugurato nella seconda metà di dicembre. Con l’occasione ci fa piacere anticipare che in occasione del festival Testimonianze ricerca azioni, in programma dal 4 al 14 novembre, presenteremo in prima assoluta il nuovo film del ciclo La parte Maledetta, dedicato al filosofo Carlo Sini. Dal 2020 abbiamo infatti dato il via alla produzione di film- documentari dedicati ad alcuni protagonisti dell’arte e della cultura. La produzione cinematografica va a sommarsi alla produzione di spettacoli, l’attività editoriale, la formazione, la programmazione e le residenze artistiche, rami d’attività che nel loro insieme definiscono il senso del progetto Akropolis”. Sono stati decretati vincitori nella medesima categoria anche Diario dei “giorni felici”, di Teatrino Giullare e Lingua Madre, di LAC Lugano (l’elenco completo dei premiati è stato pubblicato sul sito www.premiohystrio.org).

L’assessore alle Politiche Culturali del Comune di Genova Barbara Grosso si esprime così: “Sono particolarmente felice di questo riconoscimento nazionale a Teatro Akropolis, che ancora una volta é stato in grado di interpretare il contemporaneo, di ragionare sui limiti che in questo caso l’emergenza pandemica ci ha posto davanti trovando una strategia efficace di rapida trasformazione della scorsa edizione di Testimonianze ricerca azioni. Attendiamo con curiosità questa nuova edizione del festival, ormai alle porte, che il Comune di Genova ha scelto ancora una volta di sostenere convinti del valore di Akropolis per la nostra cittá. Città che a breve vedrá l’apertura di un teatro completamente rinnovato, a Sestri Ponente, sede delle proposte di questo gruppo di artisti e operatori teatrali di valore.

Ilaria Cavo, assessore a Cultura e Spettacolo della Regione Liguria dichiara: “Anche con questo premio nazionale a Teatro Akropolis la Liguria dimostra di essere fucina di eccellenze. Crediamo e sosteniamo il lavoro di questo gruppo che cura progetti teatrali, editoriali, cinematografici, di formazione esprimendo una ricchezza di proposte capace di coniugare esigenze del territorio e istanze nazionali e gli auguriamo di proseguire su questa rotta”.

Social

137FansMi piace
0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Pubblicità

Articoli più visti