Interviste | Motta: “Mi prendo le certezze e il gioco da squadra, ma peccato…”

Giocare contro la Juventus è sempre difficile: a un certo momento della gara, potevamo anche andare sul 3-1, ma alla fine non siamo riusciti a portare a casa nemmeno un pareggio. Comunque mi tengo le cose buone di questa gara, anche se c’è ancora molto da migliorare…

LA SPEZIA – Dopo la sconfitta casalinga per 2-3 contro la Juventus, il tecnico aquilotto Thiago Motta ha parlato nel post partita, analizzando tutti i temi cruciali del match.

La prestazione della sua squadra oggi c’è stata: non porta a casa punti, ma delle certezze, è così?
“Si, sicuramente mi porto a casa delle certezze in più. Giocare contro la Juventus è sempre difficile: a un certo momento della gara, potevamo anche andare sul 3-1, ma alla fine non siamo riusciti a portare a casa nemmeno un pareggio. Comunque mi tengo le cose buone di questa gara, anche se c’è ancora molto da migliorare”.

E’ forse mancato il guizzo negli ultimi venti metri per chiudere la gara o per pareggiarla quando siete andati in svantaggio: cosa è mancato stasera allo Spezia per portare a casa almeno un punto?
“E’ mancato segnare un gol in più: alla fine si può parlare tanto, ma se riusciamo a concretizzare l’occasione per andare sul 3-1, la gara cambia completamente. Ci aspettavamo una squadra forte che poteva lasciarci degli spazi dietro ed è quello che è successo. Da una parte sono contento di quello che ho visto in campo perché abbiamo giocato davvero da squadra”.

Quanto è importante la diversità delle caratteristiche che avete negli uomini del reparto avanzato?
“Abbiamo sicuramente molta varietà in attacco: Nzola è un giocatore che ha grandi qualità e sicuramente può migliorare ancora molto. Manaj può giocare punta, ma anche centrocampista: nelle sue esperienze ha imparato molto ed è cresciuto tantissimo, ma anche lui deve migliorare nel gioco senza palla e nell’attacco alla profondità. Sono giocatori diversi che ci possono dare molteplici opzioni e durante la stagione questa è una cosa molto importante”.

“Credo che siamo una squadra che deve cercare di creare più occasioni possibili quando abbiamo la palla” – ha continuato Motta – “Solo con la fase difensiva, anche se fatta bene, non siamo ancora in grado di vincere le partite, quindi scegliamo il pressing alto. Sono soddisfatto di quello che ho visto in campo oggi e della prestazione di Maggiore perché lui è capace di trascinare tutta la squadra e portare il pressing per attaccare. Quando abbiamo il possesso dobbiamo ancora migliorare, perché non sarà sufficiente difendere bene per portare a casa dei punti in questo campionato”.

La sua è una squadra con molti giocatori nuovi e tanti stranieri: è difficile mettere insieme una squadra così?
“No, per me non è difficile: sono ragazzi che vivono di calcio, questo è il loro lavoro, la loro professione. Come io amo fare il mio lavoro, loro amano quello che hanno scelto di fare e non è difficile perché abbiamo un obiettivo chiaro. Avremo delle difficoltà, come è successo stasera, ma dobbiamo andare avanti e pensare alla prossima gara”.

Giulia Lorenzini

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti