Arriva in Val di Magra la settimana nazionale della bonifica e irrigazione

Pedalate, degustazioni, visite di studenti e dibattiti sull’acqua. L’organizzazione curata da Anbi Liguria insieme al Consorzio Canale Lunense.

SARZANA – La Val di Magra ospita per la prima volta la ‘Settimana nazionale della bonifica e dell’irrigazione’ con iniziative ed eventi in programma ininterrottamente da sabato 25 settembre a sabato 2 ottobre, promossi da Anbi Liguria, insieme al Consorzio Canale Lunense.

Tra gli appuntamenti, pedalate sulla pista ciclabile e visite organizzate con gli studenti, incontri con i consorziati e degustazione di prodotti locali, illustrazioni delle attività istituzionale e dibattiti sulla risorsa acqua.

Il debutto è previsto sabato 25 settembre, giorno della pedalata con i sindaci del territorio attraversato dalla ciclopedonale lungo l’asta irrigua artificiale del Canale Lunense. Partenza alle 9,30 dalla zona campo sportivo di Santo Stefano e arrivo all’asilo nido ‘Bianchi’ di Luni.

Da lunedì 27 settembre a venerdì 1° ottobre, la sede storica del Canale Lunense, in via Paci 2 a Sarzana, diventa teatro di visite organizzate con le scuole secondarie (fino ad oggi hanno aderito la Schiaffini di Santo Stefano e il Parentucelli Arzelà di Sarzana) e, l’ultimo giorno, con i consorziati.

“Negli incontri – spiega Francesca Tonelli, presidente di Anbi Liguria e del Consorzio Canale Lunense – l’attenzione sarà focalizzata sull’acqua legata all’irrigazione, e quindi all’agricoltura, e sull’importanza delle manutenzioni svolte dal Consorzio in termini di prevenzione e mitigazione del rischio idrogeologico. Saranno aperte le porte dell’opera di presa del Canale Lunense a Stadano di Aulla, della centrale idroelettrica nel centro di Sarzana e gli impianti idrovori di Marinella di Sarzana e Luni Mare”.

Sabato 2 ottobre è prevista la Giornata dell’Agricoltura negli spazi esterni della sede del Consorzio in via Paci 2 a Sarzana dalle 14 alle 19, rinominati nell’occasione ‘Piazza Canale Lunense’, testimonianza storica di luogo di incontro e centro della vita economica e sociale.

L’evento è aperto al pubblico, con ingresso gratuito, in accordo con quanto previsto dalle attuali normative vigenti per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19. La giornata è interamente dedicata all’agricoltura e ai prodotti tipici del territorio in cui opera il Consorzio del Canale Lunense: una piana stretta tra il fiume e il mare, a forte vocazione agricola.

La faranno da padrone esposizioni e degustazioni di prodotti locali, enogastronomici e ortofrutticoli, oltre a vino e olio di produzione locale. Protagonisti Agriturismi e Agrichef che trasformano i prodotti agricoli aziendali o di prossimità, nel rispetto della stagionalità e della tradizione contadina, realizzando piatti con ingredienti legati al territorio, nel rispetto e nella tutela della biodiversità. Sono previste diverse iniziative e spazi dedicati anche ai più piccoli.

Alle 15, ancora nella sede del Consorzio, la ‘Settimana’ chiuderà il sipario con il dibattito sul tema ‘Acqua costo e risorsi’, moderato da Filippo Paganini, presidente dell’Ordine regionale dei giornalisti. Sono stati invitati tra gli altri Regione Liguria, Autorità di Bacino, Parlamentari e Amministratori e Protezione civile.

Il Consorzio del Canale Lunense, che ospita l’intera giornata, apre alle visite della centrale idroelettrica, del parco mezzi attuale e degli attrezzi che in passato venivano usati. Uno spazio è dedicato al “laboratorio dell’acqua”, dove poter ammirare e meglio comprendere come l’acqua viene spostata, sollevata e distribuita nella fitta rete consortile.

“L’attività dei consorzi – sottolinea Corrado Cozzani, direttore del Canale Lunense – è legata anche alla bonifica e manutenzione dei reticoli idraulici. Non solo. L’acqua diventa risorsa se si opera aumentando la capacità di invaso allo scopo di poterne disporre nei periodi di siccità”.

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti