Montemarcello: Toti, “La bellezza filo conduttore dei progetti per la Liguria”

“Dal Miglio Blu, a Expò Dubai, al Salone Nautico, confermandoci terra d’eccellenza per il turismo e l’economia”.

GENOVA – La cultura, nelle sue varie declinazioni e la politica, quella del fare, protagoniste ad “Aspettando i dialoghi sulla bellezza”, manifestazione in programma questo fine settimana nel borgo di Montemarcello, ad Ameglia, organizzata da Regione Liguria in collaborazione con Qn-La Nazione. Un appuntamento che si propone al pubblico come anteprima di un festival a vocazione itinerante già in incubatrice per l’estate prossima. L’evento, coordinato dalla direttrice de La Nazione Agnese Pini, è quindi l’edizione zero di una rassegna pensata per stimolare, tra relatori e pubblico, una riflessione sui temi chiave della ripartenza. Sullo sfondo, l’idea di un Paese che ha proprio nella bellezza ambientale, artistica, monumentale, ma anche delle produzioni artigianali, industriali e tecnologiche, la propria punta di diamante.

“La parola bellezza in questo anno di ripartenza si adatta perfettamente alla Liguria e non solo per la straordinarietà del nostro mare, delle nostre città e dell’entroterra – spiega il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti -. La bellezza è infatti il filo conduttore dei progetti che abbiamo in serbo per il futuro: da padiglione Italia a Expo Dubai, alla prossima edizione del Salone Nautico, al Miglio Blu che ambisce a creare un distretto della nautica riconosciuto a livello internazionale consacrando La Spezia Capitale mondiale della Nautica. Un progetto che lega insieme nuove infrastrutture, l’innovazione tecnologica e la formazione professionale per dare impulso alla creazione di nuovi posti di lavoro nell’eccellenza nautica di cui la nostra regione è leader. Questa è la bellezza che confermerà la Liguria terra d’eccellenza per turismo ed economia. Per la nostra regione il 2021 è stato l’anno della rinascita, con il numero dei visitatori che ha superato quello del 2019, confermandosi regina dell’estate proprio grazie alle nostre bellezze e alle nostre strategie di destagionalizzazione che hanno allungato il periodo dell’accoglienza turistica. La bellezza sarà quindi il filo conduttore anche dei nostri progetti post Covid; questo è il momento della ripartenza e la Liguria si sta facendo trovare pronta. I segnali sono forti e chiari e come Regione continueremo con la nostra politica economica a sostenere le imprese, il turismo e l’economia per afferrare le occasioni che si stanno presentando. I numeri ci dicono che siamo sulla buona strada”.

Ad aprire la serata un confronto a tre voci da titolo “Bit, suoni, parole. I segni della bellezza”. Ospiti il direttore di orchestra Beatrice Venezi (in collegamento streaming), lo scrittore e drammaturgo Stefano Massini, volto noto di trasmissioni televisive come “Piazzapulita” e”Ricomincio da RaiTre”, e il big del digitale e delle start up Paolo Barberis, fondatore di Dada e Nana bianca. A partire dalle 19.30, sotto le insegne di una piattaforma intitolata ”La cura della bellezza”, il faccia a faccia, moderato sempre dalla direttrice Agnese Pini, tra Giovanni Toti ed Eugenio Giani, presidente di Regione Toscana, chiamati per l’occasione a ragionare sulle urgenze della ripartenza in Italia e nel mondo.

“In questi ultimi due anni – sottolinea il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani – l’esperienza del virus ha aperto un vuoto nelle relazioni con le persone e con i luoghi; c’è bisogno di riempirli concedendosi di ripartire dalle emozioni più forti e vive. L’impatto con la bellezza unica di un territorio come il nostro può rappresentare il giusto punto di partenza per ogni percorso di rinascita personale.
Tantissimi turisti italiani e stranieri già quest’estate sono tornati e sono convinto che questo flusso è destinato a crescere: la Toscana è un’ottima cura per gli strascichi lasciati nell’animo di ognuno dalla pandemia.
La bellezza può fare da traino a uno sviluppo complessivo di tutta la regione, anche perché non è concentrata solo nei luoghi deputati, ma diffusa nei paesi, nei borghi, nelle campagne, negli spazi produttivi. E’ il segno distintivo di un’intera regione che ha voglia di rimettersi in marcia”.

“E’ l’anno zero di una rassegna che mi auguro possa diventare un appuntamento fisso di fine estate a Montemarcello – dichiara il Presidente della Provincia della Spezia Pierluigi Peracchini –. Il territorio sarà protagonista di incontri politici e culturali per una riflessione sull’Italia della ripartenza e sulle sfide che ci aspettano, un’occasione importante che spero sarà accolta con grande entusiasmo e curiosità”.

“Un’occasione di confronto tra il mondo della politica e della cultura – spiega il Sindaco di Ameglia Andrea De Ranieri – in un contesto paesaggistico che perfettamente si adatta al dialogo sulla bellezza. Accolgo con piacere questo appuntamento in uno dei borghi più belli d’Italia invitando i nostri cittadini a partecipare, ringraziando Regione Liguria, QN-La Nazione e tutti gli ospiti che interverranno, certo che sarà un dialogo costruttivo in vista del Festival che la prossima Amministrazione accoglierà nel nostro territorio”.

“La Nazione è onorata di condurre un dibattito di così alto profilo – commenta la direttrice Pini -. L’appuntamento di Montemarcello è prima di tutto un omaggio al territorio. Un territorio nel quale il nostro giornale è profondamente radicato e con il quale dialoga incessantemente, sforzandosi di interpretare storie e vicende di cronaca, ma anche fenomeni di più ampio respiro. Con uno spirito di servizio costante e rigoroso”.

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti