Il Ministro della Difesa rifiuta di incontrare Cgil Cisl e Uil

Forte rammarico dei sindacati che chiedono di essere ricevuti oggi per discutere dei problemi urgenti del territorio.

LA SPEZIA – Questa mattina il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini in visita alla Spezia ha rifiutato l’incontro con il mondo del lavoro.

È forte il rammarico di Cgil Cisl Uil davanti al diniego.
“Avevamo molte cose da chiedere al Ministro della Difesa sul futuro dell’Arsenale Militare, sui livelli occupazionali ormai al minimo storico da anni, sul famoso Piano Brin sul quale ci chiediamo oggi se ci sarà un futuro o se dobbiamo considerare il progetto storia passata – spiegano i segretari generali del territorio di Cgil Cisl Uil Lara Ghiglione, Antonio Carro, Mario Ghini – Purtroppo il Ministro, adducendo problemi organizzativi circa i tempi contingentati della visita, ha declinato la nostra richiesta di incontro. Quando si tratta di tematiche rilevanti, vitali per il territorio, le tempistiche dei Ministri non possono trasformarsi in scusanti. Il nostro territorio è da sempre condizionato dalla presenza della Marina Militare, dal suo indotto e dall’industria della Difesa”.

I segretari insistono sulle problematiche relative all’assunzione del personale: “Ricordiamo che a Taranto si sta procedendo con un bando di assunzione di personale civile, a La Spezia ancora no”.
E ancora: “Abbiamo bisogno di conoscere il parere del governo sulla possibile joint venture tra Fincantieri e OTO MelaraWASS e su Brin: questi temi per noi non sono più rinviabili”.

Per Cgil Cisl Uil La Spezia è necessario procedere con un confronto con il Governo: “Auspichiamo che il Ministro convochi un incontro con i sindacati oggi stesso per dare risposte alle esigenze economiche, occupazionali e di sviluppo del nostro territorio”. Concludono i segretari generali di Cgil Cisl Uil.

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti