Patente scaduta da 30 anni, fermata alla guida

LA SPEZIA – Veramente sconcertante quanto accertato in questi giorni da una pattuglia della Polizia Locale impegnata in controlli stradali in Corso Nazionale.

Gli Agenti, accertata la situazione di intralcio cagionata dal malposizionamento in carreggiata di un’autovettura, sottoponevano a controllo la relativa conducente, una donna settantenne residente in città; alla richiesta di esibire i documenti di guida, la donna riferiva di non avere con sè la patente, pensando, probabilmente, che tutto si sarebbe chiuso con la sanzione relativa alla fermata irregolare del veicolo. Gli operatori invece, applicavano l’ulteriore sanzione amministrativa pecuniaria prevista per chi guida senza avere la patente al seguito ed avviavano gli opportuni accertamenti sulla regolarità del documento. Veniva altresì intimato alla conducente di presentare il documento mancante al Comando entro i cinque giorni successivi.

Quanto emergeva dal controllo documentale lasciava nello stupore la stessa Polizia Locale: risultava infatti che la donna si era posta alla guida sebbene la sua patente fosse scaduta di validità nel 1990, quindi da ben trentuno anni, e mai più rinnovata.

Il documento veniva immediatamente ritirato ed inoltrato alla locale Prefettura per i provvedimenti di competenza ed alla donna impedito di proseguire a guidare.

La protagonista dell’episodio tentava di giustificare il suo comportamento sostenendo di guidare raramente, circostanza che, anche qualora rispondesse al vero, non la metterebbe al riparo dal sostenere nuovamente tutti gli esami di teoria e pratica disposti in questi casi dall’Ufficio Provinciale del D.T.T. (ex motorizzazione civile) al fine di accertare se dopo un lasso di tempo considerevole trascorso dalla scadenza della patente di guida il soggetto possieda ancora le nozioni, i requisiti necessari e una corretta e sicura pratica di guida.

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti