Offre droga, Hashish Marijuana, ad un agente in borghese, arrestato

1 arresto e varie denunce alla Procura della Repubblica.

LA SPEZIA – Il primo weekend di ottobre ha visto ancora una volta protagonisti gli agenti del Corpo di Polizia Locale di una serie di interventi a tutela del decoro, della salute e della sicurezza stradale. Se i servizi disposti per il venerdì sera, non avevano rilevato criticità particolari, altrettanto non si può dire per il sabato appena trascorso, poiché le pattuglie sono state impiegate in varie situazioni operative.

Nel tardo pomeriggio, all’incrocio tra viale Garibaldi e corso Corso Cavour, è stato controllato un cittadino venticinquenne del Bangladesh regolarmente soggiornante in Italia, che all’atto del controllo risultava detenere all’interno del palmo della mano destra un piccolo involucro in cellophane di colore giallo contenente eroina. La stessa è stata sequestrata amministrativamente, mentre il soggetto, rilevato che la sostanza stupefacente rinvenuta era finalizzata al solo uso personale, veniva segnalato ai sensi dell’art. 75 comma 1 del D.P.R. 309/1990.

Poco più tardi in Piazza Brin, mentre era in corso un servizio in abiti borghesi finalizzato alla tutela del decoro e della sicurezza del quartiere Umbertino avveniva una scena colorita. Durante tali frangenti, sotto i portici della piazza lato Corso Cavour, un agente veniva avvicinato da un giovane straniero che, aprendo il palmo della mano, mostrava ed offriva più volte della sostanza stupefacente già confezionata di tipo Hashish/Marijuana. L’agente in borghese esibiva immediatamente la tessera di riconoscimento qualificandosi come Agente di Polizia Locale ed il ventenne, il soggetto, dopo aver abbandonato a terra la sostanza, lo spintonava violentemente al petto dandosi alla fuga.

Una volta raccolto quanto abbandonato, l’operatore si poneva all’inseguimento a piedi del fuggitivo riuscendo a raggiungerlo nei pressi della Scuola Media di Via Napoli. In quel mentre il soggetto spingeva di nuovo violentemente l’agente operante contro il muro di un condominio e lo colpiva più volte con gomitate al petto al fine di guadagnare definitivamente la fuga. Contenuta la violenza del soggetto, con l’ausilio delle manette di ordinanza, e grazie all’intervento in ausilio di altra pattuglia della Polizia Locale, il soggetto, risultato poi essere un ventenne tunisino richiedente protezione internazionale, veniva accompagnato presso il Comando, dove veniva tratto in arresto per il reato di resistenza a pubblico ufficiale e spaccio di sostanze stupefacenti.

Lunedì mattina sarà celebrata l’udienza per la direttissima, nel frattempo passerà il weekend presso le celle di sicurezza della nuova struttura di Viale Amendola.

L’Assessore alla Sicurezza Filippo Ivani ha dichiarato: “voglio ringraziare le donne e gli uomini della Polizia Locale per il continuo impegno che mettono nel proprio lavoro a servizio della città. Auspico che al soggetto arrestato, dimostratosi violento e dedito allo spaccio, la protezione internazionale venga negata e che sia riservata a chi invece effettivamente viene in Italia per sfuggire a persecuzioni politiche o da teatri di guerra, non è ammissibile che venga strumentalizzata da chi palesemente non ne ha diritto”.

Non sono mancati nel corso della serata, purtroppo, interventi per sinistri stradali di una certa rilevanza. È stato infatti rilevato un investimento di pedone, da parte di un motociclo in piazza Europa: entrambi i protagonisti sono stati trasportati al Pronto Soccorso, pertanto non è stato possibile concludere gli accertamenti e la contestazione delle sanzioni, che seguiranno nei prossimi giorni. Un altro incidente stradale è avvenuto, tra due autovetture, con soli danni alle cose, alla rotatoria di via Buonviaggio con via del Canaletto: il conducente dell’autovettura che ha omesso la precedenza, sottoposto ad alcooltest risultava avere un tasso alcolemico di 1,03 e 0,95 alla seconda prova. La trasportata sul veicolo era in stato di ebrezza alcolica a sua volta, pertanto non è stato possibile affidarle il veicolo. Tenuto conto che costei era anche la proprietaria dell’auto, le è stato contestato l’incauto affidamento, sottoponendo il veicolo a fermo amministrativo per giorni 30. Al conducente è stata ritirata la patente di guida e verrà denunciato all’A.G. per guida in stato di ebrezza Il rilievo del sinistro e la stesura degli atti da inoltrare all’Autorità Giudiziaria hanno richiesto di protrarre il servizio fino a notte inoltrata.

Sotto il fronte dei controlli amministrativi per la movida cittadina, non sono emerse particolari irregolarità, salvo rilevare un discreto affollamento in piazza del Bastione ed in Vico delle Mura, tuttavia con meno presenze rispetto alla stagione estiva appena conclusa.

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti