Levanto – Il parroco don Gianluigi Bagnasco va in pensione

LEVANTO – A Levanto, nella chiesa parrocchiale di Sant’Andrea, domani, domenica 17 ottobre, il parroco don Gianluigi Bagnasco, dopo venti anni alla guida spirituale di Levanto, celebrerà solennemente la S.Messa alle ore 11, attorniato daI rappresentanti della millenaria Confraternita di San Giacomo Apostolo, di cui è e rimane “cappellano”, nonchè dai fedeli levantesi e non.  

Così per don Gianluigi, storico religioso nativo di Levanto, è giunto il momento della pensione. Lo ricordiamo, qualche anno addietro, come postulatore della beatificazione della spezzina Itala Mela.

A sostituirlo, alla guida della chiesa locale, è, ovviamente, un altro sacerdote, molto conosciuto nella cittadina rivierasca, si tratta di don Alessio Batti, 40 anni, originario della Spezia ma ormai residente dal 2019 a Levanto dove ricopre la carica di vice-parroco del Santuario della Madonna della Guiardia e della chiesa plebana di San Siro in frazione Montale. Egli celebrerà la sua prima S.Messa in Sant’Andrea sabato 23 ottobre alle ore 21.

Il nuovo parroco, già dallo scorso anno, è finito alla ribalta delle cronache per motivi sportivi per il suo grande interesse per il surf. Infatti, alla tonaca ha aggiunto anche la muta da surfista che indossa quando va a caccia di onde nel golfo levantese, unico scenario ricercato da molti surfisti professionisti e non, italiani e stranieri provenienti soprattutto da Svizzera, Germania, Austria e Francia, proprio per le sue caratteristiche e le onde lunghe.

Guido Ghersi

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti