Su: Francesco Vaccarone | Giù: Fabio Vistori

SU
FRANCESCO VACCARONE
pittore

IL GABBIANO DEL MAESTRO
E’ PLANATO A NEW YORK

Il gabbiano di Francesco Vaccarone è volato sino a New York. E da qualche settimana richiama attenzione e curiosità nella sede a Park Avenue del Console Generale d’Italia Fabrizio Di Michele. Oltre al gabbiano che spicca il volo, un topos di successo nel percorso artistico del pittore spezzino, alle pareti del Consolato c’è ora un altro suo olio dal titolo “Lampedusa 2013”, una dolente testimonianza della strage di migranti (368 uomini, donne e bambini) avvenuta quell’anno a poche miglia dall’isola.

Il Maestro spezzino ha un rapporto ormai consolidato con gli States. Ha allestito mostre a Los Angeles, ha presentato al Lincoln Center di New York un ciclo di dipinti dedicati al jazz e nel 2004 ha tenuto una mostra a Wilmington nel North Caroline e ha cenato il giorno dell’inaugurazione con l’allora senatore e futuro presidente Joe Biden. I due dipinti nella sede del Consolato rappresentano il coronamento del rapporto di Vaccarone con la Grande Mela, considerato che quella sede in Park Avenue è il punto di riferimento per i circa 90mila italiani residenti negli stati di New York, Conneticut, le contee di Bergen, Hudson, Morris, Passaic, Sussex, Union.

Il Maestro spezzino in sessant’anni di carriera ha sperimentato nuovi e originali linguaggi visivi e ci ha lasciato preziose testimonianze su tematiche politiche e sociali. Come la scultura alta due metri dedicata al covid che sarà inaugurata a Noceto (Parma) sabato prossimo.


GIU’
FABIO VISTORI
insegnante

L’ASSALTO ALLA CGIL?
«GODO COME UN RICCIO»

«Sono una brutta persona se godo come un riccio su una spazzola di peli di cinghiale?». Mentre l’assalto squadrista alla sede della Cgil di Roma suscitava nel Paese sconcerto e indignazione, Fabio Vistori non riusciva a trattenere la sua euforia e le dava la stura sul suo profilo Fb con un linguaggio da tifoso ultrà. Vistori è docente di informatica al Fossati Da Passano e ha trascorsi non proprio irrilevanti in politica: ex esponente del Movimento 5 stelle, per il quale è stato consigliere comunale e candidato al Senato, è passato poi al Movimento del sindaco di Parma Pizzarotti “Effetto Spezia”.

Con i sindacati ha il dente avvelenato perché, ha scritto, quando c’era da sostenere la lotta dei precari della scuola, che lo riguardava direttamente, i sindacati si erano voltati dall’altra parte. Un conto, però, è criticare anche con toni accesi le politiche sindacali, altro conto è gongolare di fronte ad una violenza eversiva che ricorda, purtroppo, episodi analoghi che in tutta Italia precedettero la marcia su Roma. Vistori, dopo aver cancellato il post, ha cercato di derubricare la sua uscita infelice come “ironia a caldo”, ha spiegato che non sapeva si fosse trattato di un’azione organizzata e che lui è sempre stato contro la violenza. Dovrà spiegarlo anche ai dirigenti della scuola a cui s’è rivolta la Cgil spezzina che giudica il suo atteggiamento incompatibile con il ruolo educativo che ricopre.

Renzo Raffaelli

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti