Provincia, emesso avviso di asta pubblica per l’alienazione immobili

Cinque i lotti in vendita tra edifici e terreni, oltre a 46 altri immobili tra edificati, boschi, pascoli, strade e terrenti

La cessione rientra nel programma di riequilibrio di bilancio dell’ente voluto dalla Giunta Peracchini. 

LA SPEZIALa Provincia della Spezia ha bandito un’asta pubblica per l’alienazione di immobili e terreni non più necessari alle attività istituzionali dell’Ente.

La cessione rientra nel programma di riequilibrio del bilancio dell’Ente, secondo la pianificazione stabilita dal Consiglio provinciale guidato dal Presidente Pierluigi Peracchini, e secondo le linee previste dalla legge, in base alla quale la Provincia deve attivare tutte le azioni finalizzate alla copertura del deficit maturato, aumentando il volume delle entrate a favore dell’Amministrazione. Nel contempo la Provincia della Spezia garantisce, con le risorse finanziarie a disposizione, il presidio delle funzioni fondamentali, viabilità, scuole superiori ed ambiente, e quelle trasferite come trasporto pubblico, Ato (Ambito Territoriale Ottimale) idrico ed Ato (Ambito Territoriale Ottimale) rifiuti.

L’asta si terra il giorno 1 dicembre 2021, presso la sede della stessa Provincia, con la procedura dell’unico esperimento per la vendita dei cinque lotti relativi ai beni immobili.

L’offerta, costituente proposta irrevocabile di acquisto, dovrà essere formulata secondo quanto stabilito dai regolamenti e dal bando d’asta, e dovrà essere inviata a Provincia Della Spezia, Ufficio Patrimonio, Via Vittorio Veneto n. 2, 19124 La Spezia, mediante lettera raccomandata A.R. del servizio postale, oppure mediante servizio in “auto prestazione” fornito dal servizio postale oppure mediante posta celere oppure direttamente a mano. Le offerte devono pervenire entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 30 novembre 2021.

Questi i cinque lotti interessati dalla vendita:

LOTTO N.1
Immobile denominato “Villetta” con porzione di corte pertinenziale posto all’interno del plesso scolastico di via Fontevivo alla Spezia. Il fabbricato oggetto di vendita è inserito all’interno del plesso scolastico sede dell’Istituto Alberghiero “G. Casini”, è ubicato ai margini della viabilità pubblica denominata Via Fontevivo – nel quartiere di “Montepertico”, in una zona a prevalente destinazione residenziale, collocata geograficamente tra il centro cittadino e la prima periferia. L’unità edilizia, distribuita su due livelli fuori terra oltre ad area esterna esclusiva, è complessivamente in mediocre stato di manutenzione e conservazione. Il prezzo base è di euro 536.940,00.

LOTTO N° 2
Compendio immobiliare denominato “Bracco” e “Bracco Vetta” in fregio alla S.P. n°1 Aurelia (Km. 456+060), situato in Comune di Deiva Marina. Il complesso immobiliare risulta inabitato, inabitabile ed inagibile ed è così articolato: una casa cantoniera, la struttura dell’ex albergo “Pippo Cella e l’ex sede stradale della superficie di mq. 1000 circa. Il prezzo base è di euro 71.424,00.

LOTTO N° 3
Fondi posti al piano terra e primo sotto strada, di un fabbricato isolato con più unità immobiliari, dislocato su 5 piani ed ubicato nel centro abitato di Fivizzano (MS). Gli immobili in oggetto, fanno parte di un fabbricato isolato composto da più unità immobiliari e dislocato su cinque piani. Il fabbricato appare in buono stato di conservazione. Il prezzo base è di euro 77.566,00.

LOTTO N° 4
Immobile sede ex provveditorato agli studi sito in viale Italia, 87 nel comune della Spezia. Il fabbricato consiste in un edificio indipendente costituito da un piano seminterrato e tre piani fuori terra, presenta servizi, l’impianto elettrico risulta recente e a norma come pure l’impianto ascensore, mentre l’impianto di riscaldamento risulta più datato, ma comunque efficiente e a norma. Il prezzo base è di euro 1.395.000,00.

LOTTO N° 5
Relitto (area stradale dismessa) stradale “curva dei Buggi” in prossimità della ex Porta Ferrovia dell’Arsenale Marina Militare, nel Comune della Spezia, in fregio alla SP 530 “di Portovenere. Si tratta di un terreno pianeggiante risultante dalla rettifica della SP 530 di Portovenere, con una superficie di circa 1.120 mq, in gran parte pavimentato in asfalto, delimitato dal muro di recinzione dell’Arsenale Militare e dalla banchina stradale della SP 530 (lato di valle). Il prezzo base è di euro 80.000,00.

Generalmente si tratta di lotti di terreno incolto, pascoli, boschi o oliveti, ma anche di tratti di strade in disuso, in tre casi, a Carro, Framura e Sarzana tra i beni alienabili in elenco vi sono dei fabbricati. A Carro si tratta di una piccola costruzione in fregio alla S.P. 50 (località Mola), un manufatto in muratura di blocchetti con copertura piana ad un piano fuori terra, il cui importo di vendita e di 1.062,88 euro. A Framura si tratta di un fabbricato rurale ad uso magazzino in adiacenza alla S.P. n.64 “Baracca – Levanto”, il cui importo di vendita e di 5.845,85 euro. A Sarzana, nell’ambito di un piazzale coperto da viadotto stradale, attualmente adibito a deposito, con entrostante costruzione (ex casa di civile abitazione) e sottostante in parte il ponte, in località Battifollo. Attualmente inabitata ed inabitabile. Qui il prezzo di vendita è di 97.430,85 euro.

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti