“Siamo stati superiori al Genoa, c’è grande amarezza per non averla chiusa”

C’è tristezza e amarezza per non aver vinto una partita come quella di stasera, ma allo stesso tempo sono fiducioso perché la prestazione mi lascia totalmente soddisfatto. Nel finale di partita ho deciso di schierare Antiste per la sua ottima predisposizione alla fase difensiva, mentre ho spostato centrale Gyasi arretrandolo a centrocampo, per lo stesso motivo. Eravamo posizionati bene in campo, abbiamo dominato.

Rammarico, quasi rabbia per questa vittoria sfumata all’ultimo, tanto meritata quanto ingenuamente non portata a casa.
Thiago Motta sa che questi sono punti persi, ma la sua squadra non può che uscire da questa gara rafforzata e consapevole dei propri mezzi.
Queste le dichiarazioni del tecnico a fine gara:

Una gara difficile da commentare e che potevate portare a casa:
La squadra ha fatto di tutto per vincere, abbiamo creato molte palle gol, ma resta il rammarico per non essere riusciti a chiuderla. C’è tristezza e amarezza per non aver vinto una partita come quella di stasera, ma allo stesso tempo sono fiducioso perché la prestazione mi lascia totalmente soddisfatto. Meritavamo di vincere forse anche di più delle altre gare vinte, la differenza tra noi e il Genoa questa sera è stata enorme, è per questo che c’è così tanto rammarico“.

Avevi solo cambi in attacco, dopo Colley la scelta di Antiste:
Nel finale di partita ho deciso di schierare Antiste per la sua ottima predisposizione alla fase difensiva, mentre ho spostato centrale Gyasi arretrandolo a centrocampo, per lo stesso motivo. Eravamo posizionati bene in campo, abbiamo dominato, e questo è confermato dal fatto che loro hanno creato un’unica occasione da gol, non c’era la necessità di altri cambi“.

Come vede la crescita di Strelec?
Per me è un ragazzo in crescita come lo è tutta la squadra. È arrivato con tanta voglia e determinazione di mangiarsi gli avversari, lo vedo anche ogni giorno in allenamento, ha la capacità di capire le situazioni di gioco e di posizionarsi in campo, sicuramente ha un margine di miglioramento enorme, ma sono positivo perché è sempre molto attento e disponibile per la squadra, deve continuare così“.

Primo tempo bloccato poi si è visto solo lo Spezia, i giocatori sono usciti a capo chino:
L’amarezza di non aver vinto una partita dominata è normale e ci servirà a concentrarci e affrontare a testa alta la settimana che ci aspetta. Noi abbiamo un’idea di gioco che non è sempre la stessa ma cambia a seconda delle partite, con Juve e Milan abbiamo giocato più di rimessa ad esempio. Questa sera, come la scorsa partita, abbiamo giocato meglio della nostra avversaria, ma non siamo riusciti a vincere che è quello che conta alla fine. Resta il fatto che se giochi bene hai più probabilità di vincere, ma non è sufficiente per portare a casa i tre punti“.

Un grande rientro quello di Colley:
Ebrima deve tutto a se stesso, dal primo giorno in cui è arrivato si è messo a disposizione non solo mia, ma di tutta la squadra, ha voglia d’imparare, di crescere e di dimostrare il suo valore. Il merito è tutto suo, il mio ruolo è quello di mettere i ragazzi in condizione di dare il loro meglio, ma dipende sempre da loro, e Colley dimostra sempre grande professionalità e disponibilità: sono contento di averlo di nuovo a disposizione”.

Enrico Lazzeri

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti