Il Mugugno dei lettori: «Un nuovo “Sito archeologico” nei pressi del CAMeC»

LA SPEZIA – Dei lavori pubblici in città e in provincia si sa sempre tutto, ma non conoscevamo questa passione per l’archeologia dei tecnici comunali. Da oltre due anni, mesi in più che meno, hanno iniziato dei lavori di scavo per qualche collegamento tecnico di fronte al Camec, come si vede in foto, ma chissà cosa avranno trovato della vecchia città, perché è tutto fermo, interessando forse le Belle Arti, l’avvocatura di stato e magistratura. Non si trova modo per chiudere i lavori.

Il guaio è che questo scavo di due metri è sotto la scalinata del Camec e nella strettoia della  fermata Atc, impedendo e ostacolando il passaggio, grazie anche al bidone della spazzatura.

Questo angolo è strategico anche turisticamente perché è a due metri dalla fermata più importante della città crocevia per tutte le direzioni. Non si sanno le motivazioni di questo stop. Ci vorrebbe mezz’ora per chiudere tutto ed eliminare l’inconveniente, ma forse cercano raffinate piastrelle della costiera amalfitana per segnalare il sito archeologico.

Ripetiamo che è in queste condizioni da oltre due anni. Non si conosce la data esatta dello stop dei lavori e quando finiranno. Ci vuole per forza un incidente con rottura di femore di qualche anziano? Già tutto ok perché c’è il triangolo dei lavori in corso. Diamoci una mossa per rispetto dei cittadini e dei turisti.

(lettera firmata)

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti