Motta: “Abbiamo fatto fatica dall’inizio, possiamo fare molto meglio di così”

Non siamo riusciti a creare gioco, i contropiedi che abbiamo iniziato, non li abbiamo conclusi, mentre nel secondo tempo neanche i cambi sono stati sufficienti per riequilibrare la partita, la Fiorentina ha meritato la vittoria. È un campionato strano, ma non posso parlare adesso di cosa mi aspetto dalla classifica, dobbiamo lavorare giorno per giorno e affrontare una partita alla volta, testa alta e pensiamo al Torino.

Probabilmente si aspettava una partita diversa da parte della sua squadra Thiago Motta, ma contro la Fiorentina, i suoi sono stati in partita solo nel primo tempo.
Queste le sue parole al termine del match:

Oggi la Fiorentina è stata superiore dal primo minuto, anche se siamo stati in partita sino a fine primo tempo. Non siamo riusciti a creare gioco, i contropiedi che abbiamo iniziato, non li abbiamo conclusi, mentre nel secondo tempo neanche i cambi sono stati sufficienti per riequilibrare la partita, si sono meritati la vittoria fino all’ultimoha dichiarato il tecnico dei bianchi.

Possiamo fare meglio, abbiamo giocato bene contro squadre di alto livello e la nostra qualità l’abbiamo dimostrata. Oggi non è andata così, dobbiamo impegnarci e migliorare ancora per non ripetere prestazioni come questaha ripetuto Motta.

Cosa vi siete detti alla fine della gara con Italiano?
Ho fatto i complimenti a mister Italiano e gli ho augurato il meglio per il futuro, come ho fatto con tutti gli allenatori che mi sono trovato davanti, sempre con grande rispetto perché siamo colleghi oltre che avversari“.

Dobbiamo migliorare nella gestione della palla, dal mio punto di vista dopo aver subito un gol bisogna fare meglio dell’avversario, ed è quello che al momento manca alla squadra: la capacità di reagire e di ribaltare la partita. È un campionato strano, ma non posso parlare adesso di cosa mi aspetto dalla classifica, dobbiamo lavorare giorno per giorno e affrontare una partita alla volta. Oggi abbiamo questa sconfitta da digerire, ma questi momenti ci fanno crescere e ci rendono più consapevoli. Da domani a testa alta e pensiamo al Torinoha concluso l’allenatore degli aquilotti.

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti