Progetto sulla valorizzazione del basilico

SANTO STEFANO MAGRA – Si è svolto presso il frantoio Lucchi Guastalli di S.Stefano di Magra con padrone di casa l’agronomo Marco Lucchi un interessante convegno-progetto che pone il seme del basilico genovese e la conseguente indagine delle differenti caratteristiche organolettiche e delle differenti implicazioni agronomiche al variare del germoplasma impiegato.

A presenziare l’incontro l’azienda agricola L’Aromatica di Sarzana di Roberto Cagnoli, l’azienda sementiera francese Graines Voltz rappresentata da Michele Siena, il Cersaa (Centro di Sperimentazione e Assistenza Agricola) con Andrea e Giovanni Minuto, il Labcam (laboratorio Chimico Merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria) con Luca Medini ed infine Giovanni Bottino del Consorzio di Tutela del Basilico Genovese Dop.

Gli importanti relatori, ognuno per la propria area di competenza, per collaborare ad un progetto che pone al centro il seme del basilico genovese con una indagine riguardante le differenti caratteristiche organolettiche e le differenti implicazioni agronomiche al variare del germoplasma impiegato.

Dalle relazioni emerge l’importanza del ruolo della nostra regione riguardo al gusto del basilico essendo la Liguria luogo di elezione per la crescita del basilico. A conferma di ciò un particolare terpenoide  (composto organico presente in natura) che come comprovano gli studi della Cersaa e del Labcam tanto più ci si allontana dalla nostra regione tanto più diminuisce la presenza di tal biomolecola che è responsabile del caratteristico profumo del Basilico Genovese Dop.

Il successivo dibattito riguardava due temi, il primo la difficoltà della coltivazione del basilico per l’estrema delicatezza della pianta con la conseguente inevitabile esposizione a diversi patogeni da cui la necessità di selezionare le varietà più idonee per la sua coltivazione e il secondo punto preservarne in quest’ottica le caratteristiche organolettiche tipiche del basilico genovese.

A conclusione del convegno un panel test con tutti gli esperti  effettuato nella sala di assaggio del frantoio di Marco Lucchi di differenti campioni di pesto genovese prodotti e forniti dall’azienda L’Aromatica.

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti