La Spezia prima Provincia in cui tutti i comuni hanno attribuito la Cittadinanza Onoraria al Milite Ignoto

4 NOVEMBRE, GIORNO DELL’UNITÀ NAZIONALE E GIORNATA DELLE FORZE ARMATE. 

LA SPEZIA – Il 4 novembre terminava la Prima Guerra Mondiale. Per onorare i sacrifici dei soldati caduti a difesa della Patria il 4 novembre 1921 ebbe luogo la tumulazione del “Milite Ignoto”, nel Sacello dell’Altare della Patria a Roma. Con il Regio decreto n.1354 del 23 ottobre 1922, il 4 Novembre fu dichiarato Festa nazionale.

La Provincia della Spezia è stata la prima in Italia in cui tutti i Comuni del territorio hanno attribuito la Cittadinanza Onoraria al Milite Ignoto.

Con l’ultimo atto formale, registrato lo scorso 2 maggio, tutti i 32 Comuni della Provincia della Spezia hanno approvato all’unanimità questo conferimento e così, ufficialmente, la provincia della Spezia, decorata di Medaglia d’Oro al Valor Militare, è stata la prima in Italia ad aver raggiunto questo risultato.

Si tratta del progetto nazionale “Milite ignoto, cittadino d’Italia (1921 – 2021) elenco dei comuni che hanno conferito la cittadinanza onoraria al Milite Ignoto”, sviluppato dal Gruppo delle Medaglie d’Oro al Valor Militare d’Italia.

Il Gruppo delle Medaglie d’Oro al Valor Militare è presieduto dal Generale CA dei Carabinieri Rosario Aiosa, M.O.V.M., spezzino di nascita e promotore dell’iniziativa. Proprio per l’esempio dato dalla provincia spezzina Aiosa ha voluto ringraziare, attraverso il Presidente della Provincia, Pierluigi Peracchini, anche nella veste di Sindaco della Città della Spezia, tutti i Sindaci ed i Consiglieri comunali per l’adesione all’iniziativa e per il prestigioso risultato raggiunto.

“Questa decisione unanime, espressa dai Consigli comunali spezzini, conferma il forte senso di appartenenza, di solidarietà e di amore delle nostre comunità verso questo simbolo della Patria. _ ha commentato il Presidente Pierluigi Peracchini _ La nostra è da sempre una provincia segnata da valori forti, un sentimento che ritroviamo ogni giorno nella vicinanza con le forze armate e nella storia delle nostre istituzioni”.

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti