Melley: “Sui fondi del PNRR Peracchini colpevolmente assente”

LA SPEZIA -“Nelle settimane scorse i Sindaci dei principali Comuni italiani hanno precisato i principali filoni di investimenti su cui impiegare i fondi del PNRR: dagli interventi straordinari nel campo della transizione ecologica e del trasporto pubblico green agli interventi per la rigenerazione urbana e per l’edilizia scolastica ed abitativa, dai progetti innovativi nel settore sociosanitario a quelli per la digitalizzazione dei servizi della pubblica amministrazione locale. Ed alla Spezia quanti soldi arriveranno? Nel nostro Comune quali sono gli assi di intervento su cui verranno finalizzati i fondi PNRR che spetteranno alla nostra città?”

Così Guido Melley, LeAli a Spezia/Lista Sansa, che continua: “Su questo tema un anno fa ho presentato una interpellanza al Sindaco ottenendo risposte evasive, ma da quel momento in poi, mentre a livello regionale qualcosa ha cominciato a muoversi, nella nostra città è sceso un colpevole silenzio. Anche di recente nessuno ha mai sentito parlare di progetti PNRR strategici e cantierabili da parte della Giunta Peracchini, tanto che è legittimo il dubbio che in realtà il nostro Comune sia totalmente assente ad affrontare questa grande sfida. È compito però dell’opposizione non finire nella melassa e nell’inerzia che troppo spesso in questi anni ha contraddistinto l’operato di Sindaco e Giunta e per questo ho chiesto una seduta di commissione con l’audizione di Davide Natale, Presidente della commissione speciale regionale Next Generation EU, che si terrà in diretta streaming mercoledì 10 novembre alle ore 18.00. Sarà l’occasione per fare il punto su progetti che dovranno prima o poi venire allo scoperto e che riguardano il Comune in quanto tale, ma anche altri ambiti di rilievo strategico per il nostro territorio, come i progetti di natura infrastrutturale nel campo marittimo-portuale e logistico piuttosto che quelli legati all’ammodernamento delle strutture sanitarie locali o ancora alla riconversione degli impianti energetici ed al riutilizzo delle aree militari dismesse presenti nella nostra città.”

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti