Sciopero con corteo stamane dei lavoratori della Bu Sistemi di Difesa

No allo spacchettamento dei quattro siti produttivi italiano di Leonardo. Appello del sindaco Peracchini al ministro del Lavoro Orlando. 

LA SPEZIA – Sciopero con corteo questa mattina dalle 7,30 alle 9,30 per dire no alla vendita e allo spacchettamento dell’ex Oto Melara, ora Leonardo. Gli operai di Bu Sistemi di difesa hanno incrociato le braccia in attesa di chiarimenti. Erano presenti i segretari generali di Cigl, Cisl e Uil, Lara Ghiglione, Antonio Carro e Mario Ghini, oltre alle Rsu.

Durante l’assemblea di stamane è stata ribadita la strategicità dei quattro siti produttivi italiani di Leonardo, compreso quello della Spezia e di tutte le linee di business. Tra i presenti alla  manifestazione anche il sindaco Pierluigi Peracchini, il quale ha lanciato un appello al ministro del Lavoro Andrea Orlando perchè «difenda in sede di governo mil lavoro alla Spezia. Il ministro ha parlato di un polo formativo in Arsenale. E’ ora di passare dalle parole ai fatti, pensando al futuro iniziando a difendere il lavoro già presente. Palazzo Civico – ha continuato Peracchini – vuole essere parte attiva fra Oto Melara, le parti sindacali e il Ministero del Lavoro affinchè si tuteli l’occupazione alla Spezia e non ci sia un effetto a catena che riduca la forza economica di tutto l’indotto».

Gian Paolo Battini

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti