Prefettura. Svolgimento delle manifestazioni di protesta contro le misure sanitarie in atto

LA SPEZIAIl Prefetto della Spezia, Maria Luisa Inversini, nella giornata odierna ha convocato il Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica per dare attuazione alla Direttiva del Ministro dell’Interno, emanata il 10 novembre scorso, relativa allo svolgimento delle manifestazioni di protesta contro le misure sanitarie in atto. All’incontro hanno partecipato l’Assessore alla Sicurezza del Comune della Spezia, Filippo Ivani, il Questore, Lilia Fredella, il Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri, Matteo Gabelloni ed il Ten. Col. Stefano Saletti per il Comando Provinciale della Guardia di Finanza.

Dopo un’attenta e compiuta analisi del contesto spezzino, sia sotto il profilo dell’ordine pubblico che sanitario, il Comitato ha deciso di adottare un approccio graduale alla problematica.
Sin da subito, saranno sanzionate con il massimo rigore le manifestazioni non autorizzate, che, peraltro, a Spezia non si sono verificate da tempo, e le violazioni della normativa di contrasto alla diffusione del contagio da Covid19.

Per quanto riguarda le manifestazioni preavvisate, sono state date indicazioni al Questore affinché vengano privilegiate le manifestazioni che si svolgono in forma statica.
Le richieste di svolgere cortei saranno valutate caso per caso, in base al criterio della “ripartizione del disagio” che il percorso prescelto potrebbe arrecare alla vita cittadina e all’andamento della pandemia, prescrivendo se necessario percorsi alternativi.

Tali indicazioni saranno valide per tutte le manifestazioni pubbliche, fatta eccezione per quelle organizzate per finalità religiose o da enti pubblici.

“La soluzione concordata in sede di Comitato – ha dichiarato il Prefetto Inversini – tiene conto delle caratteristiche delle manifestazioni che si sono svolte finora nella nostra provincia, garantendo il diritto a manifestare e tutelando, al contempo, il diritto allo svolgimento delle attività lavorative e l’incolumità dei cittadini. Si tratta di un approccio graduale che potrà essere rimodulato sulla base delle eventuali criticità che dovessero sorgere”.

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti