Consiglio Regionale di martedì 16 novembre

Minuto di silenzio per Carlo Manca, l’operaio morto a Genova
Subito dopo l’apertura della seduta il presidente del Consiglio regionale Gianmarco Medusei ha chiesto all’Assemblea di osservare un minuto di silenzio per ricordare Carlo Manca, l’operaio di 48 anni morto il 10 novembre scorso durante alcuni interventi all’interno di un impianto chimico a Genova. «Con profonda amarezza prendo la parola per denunciare l’ennesima morte sul lavoro, la ventiduesima in Liguria dall’inizio dell’anno. Sul tema della sicurezza sui luoghi di lavoro – ha dichiarato – da tempo è puntata l’attenzione delle Istituzioni». Il presidente ha espresso alla famiglia dell’operaio la commossa partecipazione del Consiglio regionale.


Dibattito sul ddl 95 “Promozione del territorio ligure”
All’inizio del dibattito sulla votazione degli articoli e degli emendamenti sul Disegno di legge 95 “Interventi Regionali di Promozione del Territorio Ligure” tutti i consiglieri di minoranza hanno lamentato l’assenza del presidente della giunta Giovanni Toti (che aveva presentato congedo per impegni istituzionali, ndr) e hanno contestato la mancanza di chiarimenti circa i criteri sulla destinazione dei fondi e di un approfondimento, anche con le categorie interessate, che erano stati chiesti nella riunione di martedì scorso dell’Ufficio di presidenza, integrato con i capigruppo e i presidenti delle Commissioni.

Alessandro Piana, vicepresidente della giunta regionale, ha ribattuto illustrando le finalità del provvedimento: «Il disegno di legge intende attivare uno strumento di internazionalizzazione che si sviluppa attraverso campagne promozionali, che promuovono il territorio ligure, realizzate e veicolate da società sportive professionistiche». Il vicepresidente ha specificato: «La campagna promozionale è un sistema di azioni che coinvolgono atleti di elevata popolarità, come testimonial».

Nella seduta del mattino è stato votato, e respinto con 10 voti a favore (minoranza) e 16 contrari, il primo degli emendamenti presentati dalla minoranza: l’emendamento, che era stato depositato da Roberto Centi (Lista Ferruccio Sansa presidente), chiedeva che le società sportive che attiveranno le campagne promozionali avessero sede operativa in Liguria.

Su questo emendamento sono intervenuti, dichiarando voto favorevole, Luca Garibaldi e Sergio Rossetti del gruppo Pd-Articolo Uno, Gianni Pastorino (Linea Condivisa), Ferruccio Sansa e Selena Candia del gruppo Lista Ferruccio Sansa presidente e Paolo Ugolini (Mov5Stelle).

L’assessore ai trasporti Gianni Berrino, durante l’esame degli articoli, ha spiegato che le modalità specifiche di allocazione dei fondi spettano alla giunta.

Stefano Mai (Lega Liguria-Salvini) ha condiviso le spiegazioni di Berrino.


Messa in ruolo dei vigili del fuoco in attesa di assunzione
Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità un ordine del giorno, sottoscritto da tutti i gruppi, che impegna la giunta a intervenire nei confronti del governo affinché vengano superati tutti gli ostacoli burocratici che impediscono una tempestiva e regolare messa in ruolo di tutti i vigili del fuoco necessari per svolgere al meglio gli incarichi di sicurezza pubblica che a loro fanno capo. Nel documento su rileva che in Liguria mancano 130 vigili del fuoco di cui 86 a Genova e che sono in attesa di autorizzazione da parte del Dipartimento della Funzione pubblica e del Mef circa 800 assunzioni, già finanziate, oltre ai 250 idonei al concorso.


Cessione della B.U. Sistemi di Difesa Leonardo
Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità un ordine del giorno, sottoscritto da tutti i gruppi, che impegna la giunta a mettere in campo un’immediata azione nei confronti del Governo e dei vertici di Leonardo per scongiurare eventuali ipotesi di cessione ad aziende straniere o italiane con capitale straniero, per evitare lo scorporo dei comparti e dei sito produttivi della Business Unit, per garantire il mantenimento dei livelli occupazionali e una politica di sviluppo industriale, per mantenere sul sito spezzino una propria presenza produttiva e, infine, per tutelare la piccola e media impresa dell’indotto. Nel documento si ricorda che la ex Oto Melara è oggi parte della Bussiness Unit Sistemi di Difesa di Leonardo Spa e che, fra il personale diretto e indiretto, nei quattro siti produttivi sono occupate migliaia di persone e che, in particolare, nel sito spezzino ci sono 1500 ingresso quotidiani.


Promozione del territorio ligure
Con 17 voti a favore (maggioranza di centro destra) e 9 contrari è stato approvato il Disegno di legge 95 “Interventi Regionali di Promozione del Territorio Ligure”. Il provvedimento finanzia con 210 mila euro per l’anno 2021 le attività di promozione del territorio e delle sue eccellenze da un punto di vista ambientale, culturale e turistico utilizzando, come sponsor, le società sportive professionistiche regionali che svolgono campionati di massima serie e che sono iscritte a federazioni nazionali o internazionali e con un forte radicamento sul territorio ligure. La Regione, anche attraverso società partecipate, attiva per mezzo delle società sportive campagne promozionali secondo criteri e modalità definite dalla giunta.

Sono stati approvati tutti gli emendamenti presentati dalla maggioranza, fra i quali uno di Alessio Piana (Lega Liguria Salvini), presidente della III Commissione Sviluppo economico territorio e Ambiente, che introduce la clausola valutativa per una verifica periodica sui risultati ottenuti dall’applicazione della legge, ed eventuali criticità riscontrate, e per una divulgazione degli esiti e dei controlli di valutazione. Approvati anche altri due emendamenti, presentati da Alessio Piana (Lega Liguria Salvini) e Lilli Lauro (Cambiamo con Toti presidente), che intervengono sulle modalità di attribuzione delle campagne promozionali alle società sportive.

Sono stati respinti gli emendamenti presentati da Roberto Centi (Lista Ferruccio Sansa presidente), e sottoscritti dagli altri gruppi di opposizione, che chiedevano, fra l’altro, di escludere l’utilizzo di risorse comunitarie, di escludere le società partecipate della Regione dalla possibilità di acquisire le manifestazioni di interesse delle società sportive e di affidare questo compito a Liguria International.

E’ stato approvato all’unanimità l’emendamento presentato da Luca Garibaldi (Pd-Articolo Uno) che chiede di sentire anche la competente commissione consiliare nella definizione dei criteri, delle modalità e dei mezzi per la diffusione della campagna promozionale.

Nel corso del lungo dibattito i consiglieri regionali di minoranza hanno lamentato che nel documento non sono definiti con chiarezza i criteri con cui verranno assegnate le risorse, la mancanza di approfondimenti sul disegno di legge nella competente commissione consiliare prima della sua presentazione in aula e, infine, hanno contestato la procedura di urgenza prevista per la legge.

Il presidente della giunta Giovanni Toti si è dichiarato disponibile a riferire nella competente Commissione consiliare, così come chiedeva l’emendamento di Garibaldi, sulle linee guida della successiva delibera entro questa settimana per permettere poi alla giunta di assumere la conseguente deliberazione entro venerdì e poter dare, così, applicazione rapidamente alla legge. Il presidente ha poi ribattuto alle critiche espresse dai consiglieri di minoranza durante il dibattito del pomeriggio e ha ribadito che la legge vuole dare impulso al marketing e alla promozione del territorio ligure in piena trasparenza.

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti