GDF La Spezia: scoperta maxi frode fiscale – sequestri di denaro e beni per oltre 1,2 milioni di euro

LA SPEZIALe Fiamme Gialle del Comando Provinciale di La Spezia nella mattinata odierna hanno dato esecuzione ad un provvedimento emesso dal Gip del Tribunale spezzino, su richiesta della locale Procura della Repubblica, con cui è stato disposto il sequestro preventivo per equivalente delle somme di denaro presenti su conti correnti, libretti postali, titoli e di un immobile nella disponibilità di due imprenditori di origine cinese che, tra il 2018 ed il 2020, hanno omesso il versamento delle imposte sui redditi e dell’Iva, avvalendosi di costi generati da fatture false.

Complessivamente sono 22 i soggetti cinesi denunciati nell’ambito dell’operazione denominata “Casper” che ha consentito di disvelare la frode perpetrata, mediante la creazione di una rete di imprese “fantasma”, dagli imprenditori al solo scopo di evadere le imposte e conseguire illeciti arricchimenti.

Le fiamme gialle spezzine hanno ricostruito il complesso mosaico della frode, ammontante a circa 3 milioni di euro, partendo da una verifica fiscale eseguita nei confronti di un emporio di Sarzana (SP), attivo nella vendita di prodotti di ogni genere per la casa e per l’abbigliamento, che presentava anomalie sui dati delle fatture ricevute dai fornitori.

Hanno, poi, individuato 20 aziende tra le province di Milano, Monza, Prato, Firenze, Pistoia e Roma, alcune delle quali nemmeno fisicamente esistenti nei luoghi di esercizio indicati, responsabili dell’emissione delle fatture false, necessarie per gonfiare i costi e dunque abbattere il reddito, al fine di evitare il versamento delle imposte dovute.

Il provvedimento ablativo, finalizzato alla confisca anche per equivalente di beni fino alla concorrenza di circa 1 milione e 200 mila euro, pari all’ammontare del debito tributario, giunge alla conclusione di un articolato e complesso percorso investigativo coordinato dalla Procura della Repubblica.

L’operazione delle Fiamme Gialle si è sviluppata secondo il dispositivo operativo del Corpo nell’ambito del contrasto all’evasione, all’elusione ed alle frodi fiscali facendo leva sulle peculiari funzioni di polizia economico-finanziaria ed è stata condotta all’insegna della trasversalità coniugando sia il profilo amministrativo- tributario sia quello penale, con il conseguente sequestro preventivo del patrimonio finalizzato alla confisca, da attuare allorché il procedimento penale si concluda con la condanna degli indagati.

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti