ATALANTA-SPEZIA 5-2 | Bene l’attacco ma la difesa è di porcellana

La ripresa dalla sosta si annunciava proibitiva, a Bergamo contro l’Atalanta Champagne di Gasparini, maestro di Motta quando il tecnico aquilotto giocava nel Genoa di Milito. E di fatto è stato così, copione rispettato, con le difficoltà che erano annunciate soprattutto da un dato statistico: uno dei migliori attacchi d’Europa contro una delle difese più perforate.

Il primo tempo vede lo Spezia subire ben tre gol, anche se a passare in vantaggio erano stati proprio i bianchi oggi in total orange. L’arancio spezzino nel primo quarto d’ora sembra vagamente ispirarsi a quello dell’Olanda del calcio totale, con tutti che difendono e molti che attaccano. Brilla particolarmente Verde, mobile e ispirato, che all’11° con un tiro da fuori quasi sorprende Musso. Il portiere atalantino respinge con l’aiuto della traversa e Nzola, finalmente freddo davanti alla porta, insacca, trovando un gol che mancava da troppo tempo.

I tre gol con cui l’Atalanta la ribalta già nei primi 45 minuti vengono da contropiedi, e purtroppo ogni volta che i bergamaschi si involano verso la porta spezzina la sensazione è che si possa subire gol.
Involare è la parola giusta, perché le scorribande di Zapata e Pasalic sono potenti e veloci, simili a cariche di cavalleria. La sensazione però è che l’argine spezzino sia davvero troppo fragile.
Nel secondo tempo per tentare di riaprire il discorso sarebbe servito subito un gol che non arriva e allora la partita cala progressivamente di ritmo. L’Atalanta ne fa altri due ma lo Spezia non naufraga come con la Lazio e Nzola segna il gol del 5 a 2, firmando così una doppietta.

Anche oggi bene, a tratti molto bene, la fase offensiva ma c’è assoluta necessità di registrare la difesa per contrapporre agli attacchi avversari un muro fatto di roccia e non di delicata porcellana.

Vimal Carlo Gabbiani


ATALANTA (3-4-3): 1 J. MUSSO, 15 M. DE ROON, 2 R. TOLÓI ©, 6 J. PALOMINO, 77 D. ZAPPACOSTA, 7 T. KOOPMEINERS, 19 B. DJIMSITI, 3 J. MÆHLE, 72 J. ILIČIĆ, 91 D. ZAPATA, 88 M. PAŠALIĆ.
ALLENATORE: Gian Piero Gasperini.
A DISPOSIZIONE: 28 M. DEMIRAL, 11 R. FREULER, 18 R. MALINOVSKYI, 59 A. MIRANCHUK, 9 L. MURIEL, 32 M. PESSINA, 13 G. PEZZELLA, 99 R. PICCOLI, 31 F. ROSSI, 42 G. SCALVINI, 57 M. SPORTIELLO

SPEZIA (4-2-3-1): 94 I. PROVEDEL, 27 K. AMIAN, 28 M. ERLIĆ, 15 P. HRISTOV, 20 S. BASTONI, 7 J. SALA, 8 V. KOVALENKO, 11 E. GYASI, 10 D. VERDE, 25 G. MAGGIORE ©, 18 M\’BALA NZOLA.
ALLENATORE: Thiago Motta.
A DISPOSIZIONE: 22 J. ANTISTE, 19 E. COLLEY, 21 SALVADOR FERRER, 14 J. KIWIOR, 9 R. MANAJ, 39 A. NGUIAMBA, 17 S. PODGOREANU, 13 A. RECA, 29 E. SALCEDO, 44 D. STRELEC, 1 J. ZOET, 40 P. ZOVKO

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti