Nanni Grazzini risponde al Presidente Toti

LA SPEZIA – “Comprendo che il presidente Toti stia vivendo un momento di forti tensioni: il suo movimento non compare più nelle intenzioni di voto degli italiani, alla sconfitta sonora di Savona è seguita quella di Ameglia dove risiede insieme al suo braccio destro Giampedrone, a Spezia le cose non girano come dovrebbero e le uniche cose che inaugura Peracchini, oltre i lavori avviati dai sindaci prima di lui, sono le luci natalizie” Interviene così Nanni Grazzini in risposta alle dichiarazioni rilasciate da Giovanni Toti dopo il consiglio regionale ligure di oggi.

Ma se da un lato mi auguro che le indagini, che riportano in questi giorni alcuni giornali nazionali relativamente alla fondazione che sostiene economicamente le iniziative politiche di Cambiamo, si concludano per il meglio – prosegue Grazzininon posso rilevare che nel finale della dichiarazione del presidente della Regione Liguria ci siano parole che fanno implicito riferimento alla battaglia per l’elezione di Silvio Berlusconi a Presidente della Repubblica. Una dichiarazione che, velatamente, assume un valore ricattatorio che la dice lunga sull’atteggiamento che Toti ha nei confronti dei partiti della coalizione e che hanno avuto come risultato di portare a Savona Forza Italia all’uno e mezzo per cento, dopo aver azzerato il consiglio comunale della Spezia dei propri consiglieri comunali. Una fagocitazione che non potrò mai permettere fino a quando resterò commissario di Forza Italia in un momento in cui i sondaggi riportano il partito in doppia cifra incoraggiando il nostro lavoro.

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti