Consigli comunali dei ragazzi

Medusei: «Un esempio di partecipazione democratica e di impegno sociale»

Questa mattina si è svolto in video conferenza l’annuale incontro dell’Assemblea legislativa con i rappresentanti dei “Consigli comunali dei ragazzi” della Liguria. La riunione è stata coordinata dal presidente Gianmarco Medusei

In Consiglio regionale arriva la Pdl dei ragazzi “Per una Liguria amica dei bambini e libera dalla plastica”. Lanciata una nuova iniziativa: “La Liguria che allatta” a favore delle neo mamme

L’incontro è stato organizzato in collaborazione con Unicef

GENOVA – Si è svolta questa mattina la sesta edizione dell’incontro annuale dell’Assemblea legislativa con i rappresentanti dei “Consigli comunali dei ragazzi”, organizzato in collaborazione con Unicef.

Per il secondo anno consecutivo, a causa dell’emergenza sanitaria, l’evento si è svolto in videoconferenza.

La “seduta” è stata aperta dal presidente del Consiglio regionale Gianmarco Medusei che ha annunciato ai ragazzi il successo di un progetto avviato proprio in uno dei precedenti incontri: «Nel 2019 avevate portato all’attenzione la proposta di legge “Per una Liguria “amica dei bambini “ e libera dalla plastica” e, in quella occasione, l’Assemblea ha fornito il necessario aiuto affinché poteste raccogliere almeno 5 mila firme». Medusei ha aggiunto: «Insieme ai tantissimi firmatari anche diversi Consigli comunali hanno aderito in rappresentanza dei propri cittadini e, a breve, potremo trasmettere la vostra proposta di legge alle competenti Commissioni consiliari. Il vostro è stato un bellissimo esempio di partecipazione democratica, di dialogo con le Istituzioni, di confronto costruttivo e di grande impegno sociale».

Franco Cirio, presidente del comitato regionale Unicef, ha annunciato una seconda iniziativa: «Oggi lanciamo un’altra proposta – ha detto – che potremo chiamare “La Liguria che allatta” affinché in ogni Comune sia previsto uno spazio idoneo, con fasciatoi e un locale ad hoc, per le neomamme. Sono certo che i nostri ragazzi, anche questa volta, sapranno sensibilizzare genitori, insegnanti e tutti gli amici adulti per sostenere l’iniziativa». Cirio, infine, ha ribadito: «I nostri bambini devono essere al centro di ogni scelta della famiglia, delle istituzioni e, soprattutto, della scuola perché, se i bambini studiano, abbiamo vinto tutti».

Ilaria Cavo, assessore alla Scuola e alle Politiche giovanili è intervenuta esprimendo apprezzamento per le iniziative assunte da Unicef a favore dell’infanzia e ha ricordato la campagna di sensibilizzazione avviata dalla giunta per attrezzare nei comuni spazi pubblici per le neo mamme e sul consumo responsabile della plastica.

Fra gli altri, sono intervenuti in videoconferenza per esprimere apprezzamento per l’iniziativa e per i progetti elaborati dai Consigli comunali dei ragazzi, il vicepresidente del Consiglio regionale Armando Sanna e il consigliere Stefano Balleari.

I ragazzi si raccontano

In videoconferenza sono intervenuti i rappresentanti dei “Consigli comunali dei ragazzi” di Arenzano, Ventimiglia, Moconesi, Cicagna, Recco e Vallecrosia.

E’ stata sottolineata la necessità di ulteriori spazi pubblici e aree verdi destinate al gioco, di interventi per la pulizia dei sentieri per favorire l’escursionismo e, fine, di manutenzione dei campetti da calcio. Uno dei temi sollevati dai giovanissimi amministratori, sui quali si sono anche attivati presso le amministrazioni comunali degli “adulti”, è la carenza di locali per favorire la socialità extrascolastica e di biblioteche.

L’attività dei Consigli si è sviluppata, inoltre, nell’attivazione di alcune radio locali mentre in alcuni casi è prevista la nascita di giornalini per intervistare gli amministratori locali sui temi di rilevanza cittadina e approfondire temi di educazione civica. In alcune realtà saranno elaborate mappe cittadine da mettere a disposizione dei turisti. In alcune scuole, infine, i ragazzi hanno partecipato attivamente a corsi di sostegno per studenti con disabilità.

Tutti i rappresentanti hanno garantito il massimo sostegno presso amici, famiglie e nella propria comunità alla nuova proposta di legge sul tema “La Liguria che allatta”.

Social

180FansMi piace

Pubblicità

Articoli più visti